A Lazzaro

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

A Lazzaro

Calimèra na sas po
Sas cuntèfso tim Passiuna
Possa pàtefse o Cristò
Cùsetè ma devoziuna

‘Mbièfse lèonta o Patr’eterno
Ti mas sarve ti fsihì
Na mi pame ‘s ton anfierno
Pu afsìamo oli emì

E patriarchi ene tardèfsa
Pracalònta to Teò
Na’rti na tus liberèfsi
A citto topo scotinò

Irte an àngelo de cantu
Pu herètise Maria
Isa prama u Spirdu Santu
Na ‘ncarneftì es ti cilìa

E Maria ‘s tin oraziuna
Etëòri tom pedì
Ihe cini ti furtuna
‘S ti cilìati na ‘ncarneftì

Arsignò ‘vò na sas po
Passosèna na pensèfsi
Possa pàtefse o Cristò
Ti fsihì na mas sarvèfsi

Vuli ecàma cini Ebrei
Na mas piacu tom pricò
Ce Anna o càtaghinoschèi
Na pesàni ‘s to stavrò

Cini sciddi Turchi Ebrei
Ibbìan ghiurèonta tom Messia
O Juda ècame ti clei
Ce tos dùlefse ja spia

Efsèfn’ ètrame manihò
Ce negòziefse ma cinu
Ce mas pùlise o Cristò
Ja triànta tri carrinu

I sciddi tràmane lissàti
Ce tom piaca o sfortunato
Ma ton Ghiuda accumpagnati
Ton epìra carcerato.

Mas to sirane ‘s ton Anna
Ce siftò ton avastùsa
Ja na masi in catagùna
Ce ajo Petro one colùsa

Ce ajo Petro es ti lumera
Stracco èbbiache na caìsi
Vresi javènnonta mia hiatèra
Artòsi cio n’ i canonìsi

Cini – Esù pai m’ o Messia
C’irt’ettù na mas sarvèfsi
Se norìzo ‘s ti amilìa –
Àrcise cio na neghèfsi

C’ibbie javènnonta addi hiatèra
Ja pleo doglia ja pleo trumento
– Se norìzo ‘s ti linguera -
Petros àrcise o giuramento

T’ammàdia èscose o Cristò
N’ajo Petro canonìsi
Tuo on bandùnefse manihò
Custi o caddo cantalìsi

Anna eguìche n’ o saminèfsi
A citti schera ‘fse sordatu
Causa en ihe n’ o cundannèfsi
Ce ton àrise ‘s to Pilato

En eftàzo na sas po
Possa pàtefse e Madonna
Motti pù’vriche o Cristò
Fraggellato ‘s ti colonna

Afse hiliàte bastunate
Ce afse còscie ce afsintàfse
Cio sumpòrtefse ampì ‘s tes plate
Ce dommène ma male mazze

Tenda u vala na
mi mblefsi
Motti pu tom pelecùsa
Ce tu lèane na mantèfsi
Tis pelèca on arodùsa

Ce Pilato ipe ‘s Cristò
– Passosèna se ‘ccusèi
-Esù vrischese ‘mbrogliato –
C’ipe cino – Esù to lei –

In hera toa mardulitata
Gherni Malcos o facchino
Ce tu èdiche ti schiaffata
Es to mero to mancino

Ce Pilato de potenza
Mas cundànnefse o Cristò
Ce tu èdiche tin sentenza
Na pesàni ‘s to stavrò

Eguìch’ènan afse cinu
Ma mia stèfano poddì mali
Ce oli afse sciuncu marinu
Ce tu ‘m bala ‘s tin ciofàli

En eftàzo na sas po
Posses isan’ e strappate
Motti u vala to stavrò
Na vastàfsi ampì ‘s tes plate

O Cristòs o vloïmmèno
Pu ibbie ‘mbènnonta es agonìa
Etëori hiliàte gheno
Tispo tò’diche afidìa

Ce mott’ ìstiche ‘s to stavrò
Cinò jùrefse na pì
Fsidi u doca ma t’asvèsti
Ce ‘mbischiato ma holì

C’ìbbie trèhonta e Maria
Arte apòte arte apu’cì
C’ìbbie senza cumpagnia
To pedìtti na ton di

Sa mia turtura scumpagnata
Atti dichìtti cumpagnia
Cini ehàsi ame ‘s ti strata
Senza forza ce amilìa

Motti epèsane o Cristò
O ìglios èhase i lumera
O fengo ejètti scotinò
Nifta jùrise ittin emèra

Ghetti a mëa terramoto
Motti espìrefse o Cristò
Ce o cosmo ècame tale moto
Na fai pa Cristïanò

Arte cùsato tim Passiuna
Possa pàtefse o Cristò
Ce ma mali devoziuna
On adorèome s to stavrò

E glossa e ssozi pleo milìsi
Dè cuntèfsi pleo o lemò
Dochetèmu ‘na turnìsi
An dè dòchet’ en’ aguò.

San Lazzaro

Buongiorno devo dirvi
Devo raccontarvi la passione
Quanto patì Cristo
Udite con devozione

Mandò a dire il Padreterno
Che ci salvava l’anima
Perché non andassimo all’inferno
Che meritavamo tutti noi

I patriarchi non tardarono
A pregare Dio
Che venisse a liberarli
Da quel luogo tenebroso

Venne un angelo di canto
Che salutò Maria
Era opera dello Spirito Santo
Che le si incarnò in grembo

Maria in orazione
Contemplava il figlio
Ebbe la fortuna
Che in lei s’incarnasse

Comincio col dirvi
Che ciascuno pensi
Quanto patì Cristo
Per salvarci l’anima

Consiglio fecero quegli Ebrei
Di prenderci lo sventurato
E Anna lo condanna
A morire sulla croce

Quei cani turchi d’Ebrei
Andavano cercando il Messia
Giuda fece finta di piangere
E servì loro da spia

Subito corse via solo
E negoziò con quelli
E ci vendette Cristo
Per trentatre carlini

Quei cani corsero arrabbiati
E presero lo sfortunato
E accompagnati da Giuda
Lo portarono in carcere

Lo portarono da Anna
E stretto lo tenevano
Perché udisse la sentenza
E San Pietro lo seguiva

E San Pietro al fuoco
Stanco si mise a sedere
Passò una ragazza
Si alzò in piedi per guardarla

Lei – Tu vai col Messia
E sei venuto qui per salvarci
Ti conosco dalla parlata -
Cominciò a negare

E passava un’altra ragazza
Per più dolore per più tormento
- Ti conosco dalla parlata -
Pietrò cominciò a giurare

Gli occhi alzò Cristo
Per guardare San Pietro
Ed egli lo lasciò solo
Si udì il gallo cantare

Uscì Anna per esaminarlo
Da quella schiera di soldati
Non aveva motivo per condannarlo
E lo mandò da Pilato

Non arrivo a dirvi
Quanto patì la Madonna
Quando trovò Cristo
Flagellato alla colonna

Sei migliaia di bastonate
E seicentosessantasei
Sopportò sulle spalle
E date con grandi mazze

Una benda gli misero perché non vedesse
Quando lo percuotevano
E gli dicevano che indovinasse
Gli domandavano chi percuoteva

E Pilato disse a Cristo
– Tutti ti accusano
- sei incastrato –
E lui disse – Lo dici tu –

Allora la mano superba
Levò Marco il facchino
E gli diede lo schiaffo
Sulla guancia sinistra

E Pilato nella sua potenza
Ci condannò Cristo
E gli diede la sentenza
Che morisse sulla croce

Uscì uno di quelli
Con una corona molto grande
Tutta di giunchi marini
E gliela posero sulla testa

Non arrivo a dirvi
Quante furono le strappate
Quando gli posero la croce
Da portare sulle spalle

Cristo benedetto
Che andava in agonia
Vedeva migliaia di persone
Nessuno lo aiutò

E quando stava sulla croce
Cercò da bere
Aceto gli diedero con la calce
Mischiato con fiele

E correva Maria
Di qua e di là
E andava senza compagnia
Per veder suo figlio

Come una tortora scompagnata
Dalla sua compagnia
Si perse in mezzo alla strada
Senza forze né senno

Quando morì Cristo
Il sole perse il fuoco
La luna diventò oscura
Notte tornò quel giorno

Ci fu un gran terremoto
Quando spirò Cristo
E il mondo si mosse tanto
Da inghiottire ogni uomo

Avete ascoltato la Passione
Quanto patì Cristo
E con gran devozione
Adoriamolo sulla croce

La lingua non può più parlare
Nè può più raccontare la bocca
Datemi un denaro
Sennò datemi un uovo

Sondaggio

Ti piace la nuova grafica del sito laterradelrimorso.it ?

Per noi la tua opinione è molto importante! Ti ricordiamo che: i valori da 1 a 5 hanno valenza negativa, i valori da 6 a 7 sono neutri, invece i valori da 8 a 10 identificano un giudizio positivo. Il sondaggio è aperto dal 18-06-2018 e terminerà il 21-07-2018. I risultati saranno visibili a tutti dal 22-07-2014. Grazie anticipatamente dallo staff di ApWebManagement per aver espresso la tua opinione.

10
80% (8 voti)
4
10% (1 voto)
8
10% (1 voto)
1
0% (0 voti)
2
0% (0 voti)
3
0% (0 voti)
5
0% (0 voti)
6
0% (0 voti)
7
0% (0 voti)
9
0% (0 voti)
Total votes: 10