A' Lazzaro (Zollino)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

A' Lazzaro

Ce caliméra na sas ipòvo
na sas cuntezzo ma ti' ppassiuna
ja possa pàtezze ma o Christò-mma
ce cùseté-ta me devozziuna.

Ambìezze lèonta o Padretérno
pu e' nna sarvézzome ti' zzichì-mma
ce na mi' ppame 'ci ston inferno
ca 'mmeretéamo(ma)n oli 'cìvi.

Ma i Patriàrki na mi' ttardezzo
paracalònta (ma) to' Tteò-mma
ma nà 'chi na mas to llibberézzon
a' citto' ttopo to' scotinòvo.

Ce i Maddònna stin orazziùna
ti cuntemplèonta ma to Petàci-tti
ca cini 'in iche citti' ffurtùna
isti'ccilìa'-tti na 'ncarnettìvi.

Ma arte arcizo ce na sas pòvo
ce pàsson ena ma na penzezzi
ja possa pàtezze ma o Christò-mma
ma ti' zzicheddha na mas sarvezzi.

Isa' mmia tùrtura scumpagnata
me tin dikì-tti ma cumpagnia
ca cini càise amea sti strata
ce stramortuta senza omilia.

Ma 'gguìke i Marta ce Madaléna
na doi conforto ma tis Marìa
ma na ma ppiàki tossi' tti' ppena
mesa 's to cosmo ce n'amartìa.

Ce o Christò-mma to vloiméno
pu ìbbie 'mbénnonta ess agonia
ambrò-ttu tòri chijates gheno
ce tispo' e' ttòdike mìan afitìa.

Ma cino jùrezze na pìvi
ma ce tu dòcane azziti ce asvesti
amareggiato me ti' ccholìvi
ce puru nà 'chi na sprasimezzi.

Ma cìno tò 'vale es sto' llemòvo
ma de' tto télise ma na to prezzi
reccumandetti is to' Cciuràci-ttu
ce ti zzichedda na tu sarvezzi.

Ma vresi listo' ce to Lengino
ma m' 'itti' llància 'tti' sfoderata
tu sirni 'a' ccorpo' cce repentìto
pu tu trapàssezze ti' ccostata.

Gguìke jema ma ce nneròvo
ja posson ìsane i caritata,
i sarvazziuna tos christianòvo
ja ssatto' ttispos ìche piatata.

Satti p' apésane o Christò-mma
me ce(o) ìjos échase ti' llumera
o fengo jùrise ma scotinòvo
ce nitta jùrise ma ìsan eméra.

Mea ton écame 'o' tterramoto
satti p' apésane ce o Christò-mma
o cosmon écame sa' ttale moto
na subbissézzi pa' cchristianòvo.

Allegramente arte pedìa
ca 'vò to leo ca telo n' 'o povo
pistézze oli 'ttin ghetonìa
ti resurcìtezze ma o Christòvo.

Arte pu cùsato ti' Ppassiuna
jà possa pàtezze ce o Christò-mma
me mia' mmali ma devozziuna
ton adoréome 'ci sto' Stavròvo.

Ma asca méscia 'citt' argalìo
'citt' òrio' ppinto pu ste' cce canni
an echis tessara mas fernin dio
ca tui ene 'mera ce vloimeni.

Asca siscetta 'tta cannulàcia
ce amo' ffìone 'cittò puddhari
ce de' tti vriski cammia' cchijata
ce 'mà mas ferni' na' ccentinari.

Ma ce mian òria ma curtesia
ce 'na' ppramazzi ce passo' mmia
ma ce mian òria ma devozziuna
ce 'na' ppramazzi ja ti' ppassiuna.

San Lazzaro (La Passione di Cristo)

Vi voglio dire buon giorno
e raccontarvi la Passione
quanto ha patito nostro Signore
ascoltate con devozione.

Mandò a dire il Padre Eterno
che ci avrebbe salvata l'anima
perché noi non andassimo più all'inferno
dove meriteremmo di stare tutti.

E i Patriarchi non tardarono
a pregare il nostro Dio
che venisse a liberarli
da quella buia dimora.

La Madonna nell'orazione
pensava al Suo bambino
e credeva di non avere tale fortuna
che si incarnasse nel Suo ventre.

Ma devo cominciare a raccontarvi
e ognuno di voi rifletta
su quanto ha sofferto il nostro Cristo
per salvarci la nostra piccola anima.

Come una tortora
separata dalla sua compagnia
la Madonna sedette per strada
tramortita e senza parola.

Ma vennero fuori Marta e Maddalena
a dar conforto a Maria
perché non soffrisse tanto
che in questo mondo è peccato.

E nostro Signore, il Benedetto
che cominciava ad entrare in agonia
davanti a sè vedeva migliaia di persone
e nessuno Gli dava un aiuto.

E chiese da bere
ma Gli diedero da gustare aceto
amareggiato con del fiele
perché spasimasse ancora di più.

Quello Glielo portò alla bocca
ma Egli non volle bere
a si raccomandò al Padre Eterno
che Gli salvasse l'anima.

Ma rapido fu quel Longino
con la sua lancia sfoderata
a darGli il colpo violento
che Gli aprì il costato.

Uscì sangue ed acqua
per quanto grande era la sua carità
per la salvezza degli uomini
per Lui nessuno aveva pietà.

Appena nostro Signore morì
il sole perdette il fuoco
la luna divenne nera
divenne notte ma era giorno.

Fece un grande terremoto
appena morì nostro Signore
e la terra si sconvolse in un modo tale
da inghiottire ogni uomo.

Allegramente adesso figlioli
e ciò lo dico perchè voglio dirlo
credeteci tutti voi del vicinato
che Cristo è resuscitato.

Ora che avete ascoltato la Passione
per quanto ha patito nostro Signore
con una grande devozione
adoriamoLo sulla Croce.

Ma alzati maestra dal telaio
da quel bel pinto che stai compiendo
e se hai quattro uova ce ne porti due
che questa giornata è benedetta.

Smetti figliola di riempire cannelli
raccogli le uova da quel pollaio
e guarda se ne trovi qualche migliaio
a noi ne porti un centinaio.

E con bella cortesia
ognuno di voi qualcosa ci dia
e con bella devozione
un qualcosa per la Passione.

Note: Canto rituale appartenente al ciclo della Settimana Santa. Più di un canto vero e proprio è una specie di rappresentazione. Il giorno di San Lazzaro e durante tutta la settimana precedente la domenica delle palme una comitiva di pochi contadini, in genere di Martano, ma in altri tempi anche di Zollino, Calimera, ecc... con l'abito nuovo della festa e con un grosso ramo d'ulivo addobbato con nastri multicolori, immaginette sacre ed arance simbolo di fecondità, andava cantando di piazza in piazza, di quadrivio in quadrivio, di paese in paese per tutta l'isola linguistica greca, la Passione del Signore.

Sondaggio

Ti piace la nuova grafica del sito laterradelrimorso.it ?

Per noi la tua opinione è molto importante! Ti ricordiamo che: i valori da 1 a 5 hanno valenza negativa, i valori da 6 a 7 sono neutri, invece i valori da 8 a 10 identificano un giudizio positivo. Il sondaggio è aperto dal 18-06-2018 e terminerà il 21-07-2018. I risultati saranno visibili a tutti dal 22-07-2014. Grazie anticipatamente dallo staff di ApWebManagement per aver espresso la tua opinione.

10
80% (8 voti)
4
10% (1 voto)
8
10% (1 voto)
1
0% (0 voti)
2
0% (0 voti)
3
0% (0 voti)
5
0% (0 voti)
6
0% (0 voti)
7
0% (0 voti)
9
0% (0 voti)
Total votes: 10