Costantino (Cutrofiano)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Costantino (Cutrofiano)  Struggente canto d'amore di un soldato che tornando a casa apprende la notizia della morte della sua amata.

Costantino  

 

A Firenze facevo il soldato
na letterina mi vidi arrivà, mi vidi arrivà
e capitanu dammi licenzia
che a casa debbo andar.

Rrivai vicinu allu paese
campane a morto sentii suonar, sentii suonar
e la mia bella che ho lasciato
su un lettino ammalà.

Costantino che porti la croce
fermatevi un po’, fermatevi un po’
e quanto bacio la mia morosa
e poi mi ne vò.

La baciai quand’era viva
e odorava d’amor, odorava d’amor
ora la bacio ora che è morta
mi odora dai fior.

lo non piango le sue bellezze
bellezze non ha, bellezze non ha
ma solo piango quell’occhio nero
che mi fece innamorar.
 

Costantino

 

A Firenze facevo il soldato
una letterina vidi arrivare, mi vidi arrivare,
capitano dammi licenza
che devo andare a casa.

Arrivai vicino al paese,
campane funebri sentii suonare, sentii suonare,
è la mia bella che ho lasciato
su un lettino ammalata.

Costantino che porti la croce
fermatevi un po’, fermatevi un po’
per baciare la mia amata
e poi me ne vado.

La baciai quand’era viva
e profumava d’amor, profumava d’amor,
ora la bacio, ora che è morta,
profuma di fiore.

lo non piango le sue bellezze
bellezze non ha, bellezze non ha
ma piango soltanto quell’occhio nero
che mi fece innamorare.

Sondaggio

Ti piace la nuova grafica del sito laterradelrimorso.it ?

Per noi la tua opinione è molto importante! Ti ricordiamo che: i valori da 1 a 5 hanno valenza negativa, i valori da 6 a 7 sono neutri, invece i valori da 8 a 10 identificano un giudizio positivo. Il sondaggio è aperto dal 18-06-2018 e terminerà il 21-07-2018. I risultati saranno visibili a tutti dal 22-07-2014. Grazie anticipatamente dallo staff di ApWebManagement per aver espresso la tua opinione.

10
80% (8 voti)
4
10% (1 voto)
8
10% (1 voto)
1
0% (0 voti)
2
0% (0 voti)
3
0% (0 voti)
5
0% (0 voti)
6
0% (0 voti)
7
0% (0 voti)
9
0% (0 voti)
Total votes: 10