Damme nnu ricciu

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Damme nnu ricciu

Damme la manu de sutta lu cippune
e tie de calandra,
e ieu de calandrune.

E damme la manu, e stringimela forte
e finu alla morte nu me abbandonare.

E damme nnu ricciu de li toi capelli
son ricci e son belli,
m'han fatto innamorare.

E vene lu ientu e li fa cumparire
a cannuli d'oru e a cannuli d'argentu
ca pe amare a tie
quante ne sentu.

Dammi un ricciolo

Dammi la mano sotto la vigna
tu come una calandra*,
io come un calandrone.

Dammi la mano e stringimela forte
e fino alla morte non mi abbandonare.

Dammi un ricciolo dei tuoi capelli
son ricci e belli,
mi hanno fatto innamorare.

Viene il vento e li fa apparire
a boccoli d'oro e di argento
per amare te
non sai quante ne devo sentire.

*calandra: uccello simile alla allodola, considerato nel Salento simbolo dell'amore.

Sondaggio

Ti piace la nuova grafica del sito laterradelrimorso.it ?

Per noi la tua opinione è molto importante! Ti ricordiamo che: i valori da 1 a 5 hanno valenza negativa, i valori da 6 a 7 sono neutri, invece i valori da 8 a 10 identificano un giudizio positivo. Il sondaggio è aperto dal 18-06-2018 e terminerà il 21-07-2018. I risultati saranno visibili a tutti dal 22-07-2014. Grazie anticipatamente dallo staff di ApWebManagement per aver espresso la tua opinione.

10
80% (8 voti)
4
10% (1 voto)
8
10% (1 voto)
1
0% (0 voti)
2
0% (0 voti)
3
0% (0 voti)
5
0% (0 voti)
6
0% (0 voti)
7
0% (0 voti)
9
0% (0 voti)
Total votes: 10