Donna Lubarda (Spongano)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

 

Donna Lubarda

Donna Lubarda donna Lubarda,
amami me che sono re.

Non posso amarti sacra corona,
non posso amarti che c'ho il mari'.

Se c'hai il marito fallo morire,
t'insegno io come hai de far.

Scendi nell'orto del mio giardino,
che c'è la testa di un serpentin.

Prima la tagli e poi la schiacci,
e poi la metti dentro quel vin.

Torna il marito dalla campagna,
donna Lubarda dammi da ber.

Dimmi marito di quale vuoi,
o di quel bianco o di quel ner.

Donna Lubarda, donna Lubarda,
dammelo pure come vuoi tu.

Dentro la culla c'era un bambino,
di nove mesi però parlò.

Disse: Papà non ber quel vino,
che c'è la testa di un serpentin.

Donna Lubarda, donna Lubarda
bevilo tu quel bicchier di vin.

La prima goccia cascò sul labbro
dicendo: "Addio io morirò".

"Testi tratti dalla tradizione orale ed etinica del Salento, un tributo che identifica il repertorio poetico-musicale del territorio da considerare esclusivo patrimonio di tutta la collettività Salentina."

Sondaggio

Ti piace la nuova grafica del sito laterradelrimorso.it ?

Per noi la tua opinione è molto importante! Ti ricordiamo che: i valori da 1 a 5 hanno valenza negativa, i valori da 6 a 7 sono neutri, invece i valori da 8 a 10 identificano un giudizio positivo. Il sondaggio è aperto dal 18-06-2018 e terminerà il 21-07-2018. I risultati saranno visibili a tutti dal 22-07-2014. Grazie anticipatamente dallo staff di ApWebManagement per aver espresso la tua opinione.

10
80% (8 voti)
4
10% (1 voto)
8
10% (1 voto)
1
0% (0 voti)
2
0% (0 voti)
3
0% (0 voti)
5
0% (0 voti)
6
0% (0 voti)
7
0% (0 voti)
9
0% (0 voti)
Total votes: 10