Eména mu dispiacesse kecciamu (Martano)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Eména mu dispiacesse kecciamu

Eména mu dispiàcesse, kéccia-mu,
ma satti icusa i sperazziuna.
Ipa: ttocheddha ene e màna-mu
ca en' iche sorta nde furtuna.
Sorta Sorta ca ti socama
de' ccio' ppu socho jenomena.
Ca 'sù panta ma mea tin ébbike
ma ce ma mea 'n ise piamména.
Ma ce fìconta ce fìconta
ce piàcontà-'i m'addhon ena.
Cini i Sorta mu respùndesse
ca' vò 'nna ccunsumésso sena.
Mi' mme mini mai, kéccia-mu
ca mai mai canea cerò.
Mai mai sorcome éssu-su
de an echi fiacco de an ei
calò.
An espezzéato ciso màrmaro
ce e catinazzi e sideregni.
Isi giòveni 'c' essu 'mbénnune
ma ce canenas en egguenni.
An espezzéato ciso màrmaro
ce plakes attin aclisìa
nà-'rtune e mane ce ste' cchiatére-tto
ce e ciuri nà-'rtune 'sta pedia.
E ce an ìsane 'tti' kkéccia-mu
ma na mas camu' tti' ttornata
ércatto citt'òria sòmata
ma ta pilita ce ta gelata.
E cce an ìsane tti' kkéccia-mu
ma na mas camu' tto' rritorno
ércatto citt'òria sòmata
ca oles ìchamon abbesogno.
Ce 'nna clàssome na clàssome
na mi' pposéssome macata.
Oles échome to jéno-ma
acàu e' ccitti' mmavri' pplaca.
'Mena (e) manéddha-mu mupe t'érkete
ma C'etto canni na min erti
e cce nà-'rti es ta pedàcia-ti
ma nà-'chi na ta consijéssi.
'Mena (e) manéddha-mu mupe t'érkete
'perni mia' mmali' ccumpagnia.
'Perni mane ce 'stes chiatére-tto
ce e ciuri nà-'rtune 'sta pedia.

Lamento funebre

A me dispiacque, piccola mia
quando ho sentito le campane a morto.
Dissi: povera mamma mia
che non ha avuto Sorte nè Fortuna.
Sorte, Sorte cosa ti ho fatto
che cosa ho potuto farti.
Tu sempre con me l'hai avuta
e sempre con me te la sei presa.
Lasciami, lasciami
e prenditela con qualcun altro.
La Sorte mi rispose
io devo consumarti.
Non mi aspettare, piccola mia
mai mai in nessun tempo.
Mai più verrò a casa tua
che tua bbia bisogno o che tu non ne abbia.
Oh se si spezzasse questo marmo
e le catene di ferro!
Quei giovani vi entrano
e nessuno più ne esce.
Se si spezzasse quel marmo
e quelle lastre di pietra della chiesa
perché le madri ritornino alle loro figlie
e i padri ai figli.
E se potessero, piccola mia
farci fare ritorno
altri bei corpi tornerebbero
con vestiti puliti e freschi.
E se potessero, piccola mia
farci fare ritorno
altri bei corpi tornerebbero
perché tutte abbiamo bisogno.
Dobbiamo piangere e piangere
senza mai riposo.
Tutti abbiamo parenti
sotto quella nera pietra.
Mia madre disse che sarebbe tornata
ma Quello (Tanato) fa che lei non torni.
Deve venire dai suoi figli
ha da dar loro consigli.
Mia madre disse che sarebbe tornata
con una grande compagnia:
riportando le madri alle figlie
e ai figli portando i padri.

Sondaggio

Ti piace la nuova grafica del sito laterradelrimorso.it ?

Per noi la tua opinione è molto importante! Ti ricordiamo che: i valori da 1 a 5 hanno valenza negativa, i valori da 6 a 7 sono neutri, invece i valori da 8 a 10 identificano un giudizio positivo. Il sondaggio è aperto dal 18-06-2018 e terminerà il 21-07-2018. I risultati saranno visibili a tutti dal 22-07-2014. Grazie anticipatamente dallo staff di ApWebManagement per aver espresso la tua opinione.

10
80% (8 voti)
4
10% (1 voto)
8
10% (1 voto)
1
0% (0 voti)
2
0% (0 voti)
3
0% (0 voti)
5
0% (0 voti)
6
0% (0 voti)
7
0% (0 voti)
9
0% (0 voti)
Total votes: 10