Benvenuto sullo spazio blog " LA TERRA DEL...

Prima di distinguere una tipologia dei canti...

 

Da sempre il canto e...

 

Ferma zitella (Martano)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Ferma zitella

Ferma zitella ca si carcerata
quandu ca t'aggiu ncontrata
e ma sola sola.
Lassame scire bellu
pe la strada
lassame scire bellu
pe la strada
ca su zitella e perdu la furtuna.
Veni sta sera a la mia camerata
la mia mamma non c'è e mi corco sola
la mia mamma non c'è e mi corco sola.
E bonasera a lei porta nserrata
pacenzia Nennu e ca non su sola.
Tutte le curpu io che t'ho lasciata
quandu t'aggiu ncontrata
e ma sola sola
quandu t'aggiu ncontrata
e ma sola sola.

Ferma zitella

Ferma zitella ora sei carcerata
ora che ti ho incontrata
sola sola.
Lasciami andare, bello,
per la mia strada
lasciami andare, bello,
per la mia strada
sono zitella e perdo la fortuna.
Vieni questa sera alla mia camera
mia madre non c'è e dormo da sola
mia madre non c'è e dormo da sola.
Buona sera a te, porta chiusa,
abbi pazienza, Nello, non sono sola.
La colpa è mia che ti ho lasciata
quando ti ho incontrata
sola sola
quando ti ho incontrata
sola sola.

Note: Questo canto narra la difficile situazione della donna in tempi ancora relativamente vicini. Situazione difficile; tanto che per difendere la loro dignità dovevano fare ricorso alle sottili arti dell'inganno e dell'ironia.

 

Sede

Via del Fosso, snc 

Lucugnano - Tricase - Lecce

ITALIA

Newsletters

Iscriviti per ricevere gli ultimi aggiornamenti, notizie e altro ancora...

Contatti

Puoi contattarci tramite:

Web: Contattaci Online

info@laterradelrimorso.it