La cardilla (Cannole)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

La cardilla (Cannole) Canto d'amore solitamente conosciuto come "La turtura" nella versione raccolta a Cannole.

La cardilla (Cannole)

 

Ulau ulau la cardilla mia
tutta fatta rimase la gabbiola
la pasta cu lu miju fatta ni l'ia
cu la ncarezzu e cu nu se ne vola
nu giurnu l'ali longhe li lassai
credendu bella ca no bola cchiui
quandu de la fenestra me nfacciai
la vitti ulare cu le pare soi
li dissi cardilleddha mia ce faci
e vieni beddhu se bene me voi
e ieu lu poverinu la secutai
mo ca la ziccu e ca la nferru moi
quando na riva de mare la rrivai
me disse schiatta e crepa e mo ce boi.

La cardilla (Cannole)

 

Volò volò la cardellina mia
tutta fatta rimase la gabbietta
le avevo fatto la pasta con il miglio
l'accarezzavo perchè non volasse
un giorno le lasciai le ali lunghe
credendo che no sarebbe volata
quando dalla finestra mi affacciai
la vidi insieme alle sue pari
le chiesi cosa stesse facendo
vieni bello se mi vuoi bene
e io poverino la seguì
pensando di prenderla e di afferrarla
quando la raggiunsi sulla riva del mare
mi disse schiatta e crepa cosa vuoi.

Sondaggio

Ti piace la nuova grafica del sito laterradelrimorso.it ?

Per noi la tua opinione è molto importante! Ti ricordiamo che: i valori da 1 a 5 hanno valenza negativa, i valori da 6 a 7 sono neutri, invece i valori da 8 a 10 identificano un giudizio positivo. Il sondaggio è aperto dal 18-06-2018 e terminerà il 21-07-2018. I risultati saranno visibili a tutti dal 22-07-2014. Grazie anticipatamente dallo staff di ApWebManagement per aver espresso la tua opinione.

10
80% (8 voti)
4
10% (1 voto)
8
10% (1 voto)
1
0% (0 voti)
2
0% (0 voti)
3
0% (0 voti)
5
0% (0 voti)
6
0% (0 voti)
7
0% (0 voti)
9
0% (0 voti)
Total votes: 10