La cerva (Cannole)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

La cerva (Cannole) Canto d'amore diffuso nel salento qui riportato nella versione raccolta a Cannole.

La cerva (Cannole)

 

Nu giurnu andando in ncaccia a la furesta
mienzu li boschi de Ninella mia
vitti na cerva e li truncai la testa
morta nu era e lu sangue scurria
se nfaccia la patruna de la finestra
nu me ammazzar la cerva ca è la mia
nu su binutu per mazzar la cerva
mo su binutu ca pretendu a tie
mo su binuti pricipi e baroni
puru li naviganti de lu mare
mo su binutu ieu lu cchiui vagnone
cu te rinducu cu lu miu parlare.

La cerva (Cannole)

 

Un giorno andando a caccia nella foresta
dentro i boschi di Ninella mia
vidi una cerva e le troncai la testa
morta non era e il sangue scorreva
si affaccia la padrona dalla finestra
non ammazzare la cerva che è la mia
non sono venuto per ammazzare la cerva
sono venuto perchè voglio te
sono venuti principi e baroni
tutti i naviganti del mare
ora sono venuto io il più giovane
ti convinco con il mio parlare.

Sondaggio

Ti piace la nuova grafica del sito laterradelrimorso.it ?

Per noi la tua opinione è molto importante! Ti ricordiamo che: i valori da 1 a 5 hanno valenza negativa, i valori da 6 a 7 sono neutri, invece i valori da 8 a 10 identificano un giudizio positivo. Il sondaggio è aperto dal 18-06-2018 e terminerà il 21-07-2018. I risultati saranno visibili a tutti dal 22-07-2014. Grazie anticipatamente dallo staff di ApWebManagement per aver espresso la tua opinione.

10
80% (8 voti)
4
10% (1 voto)
8
10% (1 voto)
1
0% (0 voti)
2
0% (0 voti)
3
0% (0 voti)
5
0% (0 voti)
6
0% (0 voti)
7
0% (0 voti)
9
0% (0 voti)
Total votes: 10