L'amore nu se face (Aradeo)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

L'amore nu se face

L'amore nu se face lassa e pija
se tene commu ferru
la tenaja.

La mamma me chiamava
lu cazzi curtu
a iddha ne parìa de lu carottu.

Beddha si pji me campi felice
mazzate in quantità senza mangiare.

Puttana de casinu fanne biglietti
sii la rovina de li giovanotti.

Sta strada la volìa di mattonarla
pecatu ca l'amore
non la pozzu fare.

Magari ca me cotuli lu culu
cu me nu ci te zicchi chiui sotta razzu.

E' segnu ca la mamma
bona l'hai
quandu la zita nu te vole cchiui.

Fammene beddha mia fammene tante
una te fazzu mie vale pe tutte.

La mamma mi mandau
ba cattu sale
e ieu scij ni ccattai nu chitarrone.

E quandu scij casa
zziccai sonare
la mamma mi vattia cu la ragione.

Se ha cantare cu mie azza la voce
ca lu palazzu è ertu e nu si sente.

Ci hai cantare cu mie azza la voce
azza la voce e spiega mo' le palore.

Mamma no mi mandare all'acqua sola
so piccolina e non mi so guarare.

Carceru ci me tieni mo' carceratu
caccia a mia fore ca qua intra moru.

Lu carceru di Lecce è cruci cruci
de lu luntanu parenu l'amici.

Citta mujere mia nu cuminciare
su statu la puteca
nu fazzu male.

A cquai n'imu fattu nu settaturu
cu ne settamu osci e crai puru.

La prima notte ca dormii la cella
vinne l'amore mia cu la chitarra.

Stai zittu bellu miu
non mi far arrabbiare
di queste canzoni io so cantare.

Cittu patrunu mai nu te rrabbiare
su statu a la famija nu fazzu male.

L'amore non si fa

In amore non si fa il lascia e prendi
si tiene come il fil di ferro
con la tenaglia.

La mamma mi chiamava
il "pantaloni corto"
a lei le sembrava dal buco.

Bella se prendi me campi felice
botte in quantità senza mangiare.

Puttana di bordello fai biglietti
sei la rovina dei giovanotti.

Questa strada la vorrei lastricare
peccato che non posso fare
più all'amore.

Magari che mi batti il culo
con me non ti prendi più a braccetto.

E' buon segno che hai
la mamma buona
quando la fidanzata non ti vuole più.

Fammene bella mia fammene tante
una che ti faccio io vale per tutte.

La mamma mi mandò
a comprare il sale
io comprai un chitarrone.

E quando andai a casa
cominciai a suonare
la mamma mi picchiava con la ragione.

se devi cantare con me alza la voce
il palazzo è alto e non si sente.

Se devi cantare con me alza la voce
alza la voce e spiega le parole.

Mamma non mi mandare all'acqua sola
sono piccolina e non mi so guardare.

carcere che mi tieni carcerato
fammi uscire perché qui dentro muoio.

Il carcere di Lecce è croci croci
da lontano si intravedono gli amici.

Zitta moglie mia non cominciare
sono stato alla bottega (di vino)
non faccio male.

Qui abbiamo fatto un sedile
per sederci oggi e anche domani.

La prima notte che dormì in cella
passò il mio amore con la chitarra.

Stai zitto bello mio
non mi fare arrabbiare
di queste canzoni io ne so cantare.

Zitto padrone mio non ti arrabbiare
sono stato alla famiglia non faccio male.

Sondaggio

Ti piace la nuova grafica del sito laterradelrimorso.it ?

Per noi la tua opinione è molto importante! Ti ricordiamo che: i valori da 1 a 5 hanno valenza negativa, i valori da 6 a 7 sono neutri, invece i valori da 8 a 10 identificano un giudizio positivo. Il sondaggio è aperto dal 18-06-2018 e terminerà il 21-07-2018. I risultati saranno visibili a tutti dal 22-07-2014. Grazie anticipatamente dallo staff di ApWebManagement per aver espresso la tua opinione.

10
80% (8 voti)
4
10% (1 voto)
8
10% (1 voto)
1
0% (0 voti)
2
0% (0 voti)
3
0% (0 voti)
5
0% (0 voti)
6
0% (0 voti)
7
0% (0 voti)
9
0% (0 voti)
Total votes: 10