La Teresina (San Vito dei Normanni)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

La Teresina

Sotto all'albero, quel boschetto
c'è una pianta verdolina.
Sotto c'era la Teresina che piangeva per l'amor.
Sotto c'era la Teresina che piangeva per l'amor.

Teresina perchè piangi?
Io piango mi sento male.
Prendi l'ago col ditale e comincia a ricamar.
Prendi l'ago col ditale e comincia a ricamar.

Ricamare io non posso,
c'ho la vista se mi sbaglia.
C'ho l'amore che mi travaglia e lavorare non posso più.
C'ho l'amore che mi travaglia e lavorare non posso più.

Mo s'affaccia la sorella,
con la lingua serpentina.
"Sali sobbra*" alla Teresina, e lascia andare quel birichhin.
"Sali sobbra*" alla Teresina, e lascia andare quel birichhin.

Biricchino io non sono,
e nemmeno mascalzone.
Sono un figlio di un gran signore, io l'amore lo so ben far.
Sono un figlio di un gran signore, io l'amore lo so ben far.

*sobbra= sopra

Note: E' questo un piccolo acquarello di pena d'amore che Teresina patisce per colui che si dichiara "figlio di un gran signore". Ancora una volta in questo canto si ritrova il desiderio di accedere ad un mondo troppo lontano 

Sondaggio

Ti piace la nuova grafica del sito laterradelrimorso.it ?

Per noi la tua opinione è molto importante! Ti ricordiamo che: i valori da 1 a 5 hanno valenza negativa, i valori da 6 a 7 sono neutri, invece i valori da 8 a 10 identificano un giudizio positivo. Il sondaggio è aperto dal 18-06-2018 e terminerà il 21-07-2018. I risultati saranno visibili a tutti dal 22-07-2014. Grazie anticipatamente dallo staff di ApWebManagement per aver espresso la tua opinione.

10
80% (8 voti)
4
10% (1 voto)
8
10% (1 voto)
1
0% (0 voti)
2
0% (0 voti)
3
0% (0 voti)
5
0% (0 voti)
6
0% (0 voti)
7
0% (0 voti)
9
0% (0 voti)
Total votes: 10