Benvenuto sullo spazio blog " LA TERRA DEL...

Prima di distinguere una tipologia dei canti...

 

Da sempre il canto e...

 

Le fimmene (Corigliano d'Otranto)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Le fimmene (Corigliano d'Otranto)

Le fimmene de st'annu su tutte nu malannu

ca fucene allu zitu e non pensanu a lu dannu.

Rit.

Nà nì e nà povera vita mia

nà nì e nà povera vita mia ci se la goderà.

Se azzane a la mane e non pensane a lu iettu

ma lu pensieru loro cu se guardane a lu specchiu.

Rit.

Se calane quiddh'abiti fioriti de tutti fiori

se vidi lu cristianu è tuttu ripezzatu.

Rit.

Se guardane se mmirane de sutta fina a susu

cu pariane cchiu beddhre annanzi a lu carusu.

Rit.

Se guardane se conzane

se mmirane a lu specchiu

 

cu pariane ca su minne e invece è nu sarviettu.

Rit.

Le donne (Corigliano d'Otranto)

Le donne di quest'anno sono tutte un malanno

vanno via con il fidanzato e non pensano al danno.

Rit.

Nà nì e nà povera vita mia

nà nì e nà povera vita mia ci se la godrà.

Si alzano al mattino e non pensano a rifare il letto

il loro solo pensiero è guardarsi allo specchio.

Rit.

Si mettono degli abiti fioriti con tutti i fiori

se vedi quell'uomo (invece) va tutto rammendato.

Rit.

Si guardano e si ammirano da sotto a sopra

per sembrare più belle davanti al fidanzato.

Rit.

Si guardano si aggiustano

e si ammirano allo specchio

 

per far sembrare che è seno invece è un tovagliolo.

Rit.

 

 

Sede

Via del Fosso, snc 

Lucugnano - Tricase - Lecce

ITALIA

Newsletters

Iscriviti per ricevere gli ultimi aggiornamenti, notizie e altro ancora...

Contatti

Puoi contattarci tramite:

Web: Contattaci Online

info@laterradelrimorso.it