Le fureseddhre (Spongano)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Le fureseddhre

Nui simu le fureseddhre
simu tutte de Spunganu
sciamu a fore quannu è tiempu
lu sarchiare de lu cranu.

Tiramu la malerva
cullu zappune e culla manu
lu lassamu sulu, sulu
'u ppozza criscere chiù sanu.

RIT.
E cu lu zicutu zi lu zicutu zi
lu zicutu za viva le furesehhre,
viva le furesehhre.
E cu lu zicutu zi lu zicutu zi
lu zicutu za viva le furesehhre,
cu zappune e cu panar.

E quannu vene iernu
sciamu tutte alle ulìe
'ntra le Rene e li Pinnardi
'ntra le Murge e le Calìe.

U fattore ca ne crida
"A vui dicu, avanti sciamu
stu panaru presto 'nchimu
quistu è l'urtimu, ne sciamu".

RIT.

e quannu è fatta l'ua
sciamu tutte vignimamu
'ntra lu sprinu malvasiu
sta canzune nui cantamu.

RIT.

"Testi tratti dalla tradizione orale ed etinica del Salento, un tributo che identifica il repertorio poetico-musicale del territorio da considerare esclusivo patrimonio di tutta la collettività Salentina."

Sondaggio

Ti piace la nuova grafica del sito laterradelrimorso.it ?

Per noi la tua opinione è molto importante! Ti ricordiamo che: i valori da 1 a 5 hanno valenza negativa, i valori da 6 a 7 sono neutri, invece i valori da 8 a 10 identificano un giudizio positivo. Il sondaggio è aperto dal 18-06-2018 e terminerà il 21-07-2018. I risultati saranno visibili a tutti dal 22-07-2014. Grazie anticipatamente dallo staff di ApWebManagement per aver espresso la tua opinione.

10
80% (8 voti)
4
10% (1 voto)
8
10% (1 voto)
1
0% (0 voti)
2
0% (0 voti)
3
0% (0 voti)
5
0% (0 voti)
6
0% (0 voti)
7
0% (0 voti)
9
0% (0 voti)
Total votes: 10