Benvenuto sullo spazio blog " LA TERRA DEL...

Prima di distinguere una tipologia dei canti...

 

Da sempre il canto e...

 

Lu cucuruccù (San Cassiano)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Lu cucuruccù (San Cassiano Altra versione del noto canto di osteria che coinvolgeva tutti i presenti nell'invenzione di strofe a rima.

Lu cucuruccù 

 

E ieu cantu lu cucurucù
dimme, dimme ci gé ca voi tu
e ieu ulia li tuoi bei capelli,
te li capelli ci gé ca n’hai fa?
Pé fare u nidu alli passerelli
pé cantare lu cuccurucù.
e ieu cantu lu cucurucù
dimme, dimme ci gé ca voi tu
e ieu ulia le tue ntrame,
te le mie ntrame ci gé ca n’hai fa?
Pé fare corde te le campane
pé sunare lu cuccurucù.
e ieu cantu lu cucurucù
dimme, dimme ci gé ca voi tu
e ieu ulia na bella carusa,
te sta carusa ci gé ca n’hai fa?
Ulia cu mintu cu fazzu razza
pé cantare lu cuccurucù.

Lu cucuruccù

 

E io canto il cucurucù
dimmi, dimmi che cosa vuoi tu
e io vorrei i tuoi bei capelli,
dei capelli che cosa te ne devi fare?
Per fare un nido ai passeri
per cantare lu cuccurucù.
E io canto il cucurucù
dimmi, dimmi che cosa vuoi tu
e io vorrei le tue viscere
delle mie viscere che te ne devi fare?
Per fare le corde alle campane
per cantare lu cuccurucù.
E io canto il cucurucù
dimmi, dimmi che cosa vuoi tu
e io vorrei una bella ragazza
di questa ragazza che te ne devi fare?
Vorrei fare filgi
per cantare lu cuccurucù.
 

Sede

Via del Fosso, snc 

Lucugnano - Tricase - Lecce

ITALIA

Newsletters

Iscriviti per ricevere gli ultimi aggiornamenti, notizie e altro ancora...

Contatti

Puoi contattarci tramite:

Web: Contattaci Online

info@laterradelrimorso.it