Lunidìa mattina (Spongano)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Lunidìa mattina

E lu lunidìa mattina,
la Madonna se mise in cammino
e incontra San Giovanni 'nnanzi,
disse: "O Maria percè chiangi?"

"Eieu chianciu pe lu meu fiju
che a tre giorni ca no' lu visciu".
"Vane a casa de Pilatu
ca 'ddhrai lu trovi 'ncatenatu".

E mo tuppi
tuppi tuppi,
"E ci è ca è alle porte?"
"Su la mamma sfritta tua,
fiju meu famme trasire".

"Mamma mia no' te pozzu aprire
stau 'mmenzu alle catine.
Ci me sputa
e ci me scaffeggia,
ci me minte spine alla testa.

E mo passa de lu ferraru,
fatte fa' tre lunghi chiodi,
falli fare lunghi e suttili,
ca hannu passare carni civili".

"Giuda infame e traditore,
quante cose sapisti fare,
t'hai vinnutu lu meu fiju,
e pe trentatré denari.

S'eri vinutu a casa mia,
te n'era dati quanti ne ulivi,
e se non me basteria,
puru lu mantu me vinnia".

"Testi tratti dalla tradizione orale ed etinica del Salento, un tributo che identifica il repertorio poetico-musicale del territorio da considerare esclusivo patrimonio di tutta la collettività Salentina."

Sondaggio

Ti piace la nuova grafica del sito laterradelrimorso.it ?

Per noi la tua opinione è molto importante! Ti ricordiamo che: i valori da 1 a 5 hanno valenza negativa, i valori da 6 a 7 sono neutri, invece i valori da 8 a 10 identificano un giudizio positivo. Il sondaggio è aperto dal 18-06-2018 e terminerà il 21-07-2018. I risultati saranno visibili a tutti dal 22-07-2014. Grazie anticipatamente dallo staff di ApWebManagement per aver espresso la tua opinione.

10
80% (8 voti)
4
10% (1 voto)
8
10% (1 voto)
1
0% (0 voti)
2
0% (0 voti)
3
0% (0 voti)
5
0% (0 voti)
6
0% (0 voti)
7
0% (0 voti)
9
0% (0 voti)
Total votes: 10