Benvenuto sullo spazio blog " LA TERRA DEL...

Prima di distinguere una tipologia dei canti...

 

Da sempre il canto e...

 

Mara l'acqua (I) (Cutrofiano)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Mara l'acqua

Mara mara l'acqua
de la funtana mara mara
e ca se nun era mara la bbivìa.
Mare ddoi le onde de lu mare
lu mare doi
e ca rrobba te 'ndacquare
tutti li toi.

Quantu t'amu te 'mporta a tie
mia bella quantu t'amu
e domenaca dumenaca te portu
al mio giardino.
Te mostru la chianta
de lu verde ramu
e li pumetti ci caccianu oru finu.

Ci te ttaccau li piedi
cu no vveni
e ci tanta longa te parse la via.
Ca no' mme volene
dici ca no' mme volene li toi
e iou mancu voiu tie
mo ci lu sai.

Mara l'acqua

Amara è l'acqua
della fontana
se non fosse amara io la berrei.
Amare e a due e a due
le onde del mare
e questa è roba per innaffiare
tutti i tuoi.

Quanto t'amo ti interessa
mia bella quanto t'amo?
Domenica ti porto
al mio giardino.
Ti mostro la pianta
dal ramo sempreverde
e i due pomi che emettono oro fino.

Chi ti ha legato i piedi
perchè tu non venga?
Tanto lunga ti è sembrata la strada?
Dici che i tuoi
non mi vogliono
e io neppure ti voglio,
che tu lo sappia.

 

Sede

Via del Fosso, snc 

Lucugnano - Tricase - Lecce

ITALIA

Newsletters

Iscriviti per ricevere gli ultimi aggiornamenti, notizie e altro ancora...

Contatti

Puoi contattarci tramite:

Web: Contattaci Online

info@laterradelrimorso.it