Me misi a cumbattire (Cannole)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Me misi a cumbattire (Cannole) Canto d'amore salentino che evoca figure marinare.

Me misi a cumbattire (Cannole)

 

Me misi a cumbattire cu nu scoiju
pe vidire la potenza de lu mare
la cchiui forte petra era lu scoiju
ca notte e giurnu lu sbatte lu mare
ieu su benutu ca la tua fija voiju
e nuda e cruda comu pesce a mare
se tene na proprietà ieu nu ni la voju
mancu la dota te vegnu a cercare
nu fazzulettu de le soi manu voiju
quantu me stusciu ste lacrime amare
vane su lu lettu sou ca ncete unu
ca stave chinu de mendule amare
iata da mamma c’ave la fija beddha
cu dote e senza la pote maritare.

Me misi a cumbattire (Cannole)

 

Mi misi a combattere con uno scoglio
per vedere la potenza del mare
Ia pietra più forte era lo scoglio
che notte e giomo la sbatte il mare
io son venuto che voglio tua figlia
nuda e cruda come il pesce in mare
se ha una proprietà io non Ia voglio
nemmeno la dote ti vengo a cercare
un fazzoletto dalle sue mani voglio
per queste lacrime amare
vai sul mio letto che ne trovi uno
pieno di mandorle amare
beata quella mamma che ha una figlia bella
con dote e senza la puo maritare.

Sondaggio

Ti piace la nuova grafica del sito laterradelrimorso.it ?

Per noi la tua opinione è molto importante! Ti ricordiamo che: i valori da 1 a 5 hanno valenza negativa, i valori da 6 a 7 sono neutri, invece i valori da 8 a 10 identificano un giudizio positivo. Il sondaggio è aperto dal 18-06-2018 e terminerà il 21-07-2018. I risultati saranno visibili a tutti dal 22-07-2014. Grazie anticipatamente dallo staff di ApWebManagement per aver espresso la tua opinione.

10
80% (8 voti)
4
10% (1 voto)
8
10% (1 voto)
1
0% (0 voti)
2
0% (0 voti)
3
0% (0 voti)
5
0% (0 voti)
6
0% (0 voti)
7
0% (0 voti)
9
0% (0 voti)
Total votes: 10