La cerva (Cannole)

La cerva (Cannole) Canto d'amore diffuso nel salento qui riportato nella versione raccolta a Cannole.

"La cerva (Cannole)

  Nu giurnu andandu in ncaccia alla furesta

  mienzu li boschi de Ninella mia

  vitti na cerva e li truncai la testa

  morta nu era e lu sangue scurria.

 

  La cerva (Cannole)

  Un giorno andando a caccia nella foresta

  dentro i boschi di Ninella mia

  vidi una cerva e le troncai la testa

  morta non era e il sangue scorreva."

Damme la manu (Cannole)

Damme la manu (Cannole) Canto d'amore salentino proposto nella variante raccolta a Cannole.

"Damme la manu (Cannole)

  Damme la manu de sutta lu cippone
  tie de calandra e ieu de calandrone.

 

  Damme la manu (Cannole)

  Dammi la mano sotto il tralcio
  tu da calandra e io da calandrone. "

La cardilla (Cannole)

La cardilla (Cannole) Canto d'amore solitamente conosciuto come "La turtura" nella versione raccolta a Cannole.

"La cardilla (Cannole)

  Ulau ulau la cardilla mia
  tutta fatta rimase la gabbiola.

 

  La cardilla (Cannole)

  Volò volò la cardellina mia
  tutta fatta rimase la gabbietta. "

La Carmina (Cannole)

La Carmina (Cannole) La storia di un uomo che prima di morire cerca disperatamente di rivedere la sua adorata Carmina.

"La Carmina (Cannole)

  Mamma ieu moro e la Carmina nun la trovu
  fiju meu fatte palazzu teni lettu e matarazzu
  tutte le belle venenu qua forse ca vene la Carminà.

 

  La Carmina (Cannole)

  Mamma io muoio e non vedo la Carmina
  figlio mio fatti palazzo tieni letto e materasso
  tutte le belle vengono qua forse viene anche la Carmina. "

Pagine