Questo sito nasce dal desiderio di condividere un percorso di ricerca sulle tradizioni, la storia e soprattutto i canti del territorio salentino iniziato circa 10 anni fa nell'intento di arricchire chiunque lo desideri di una parte di quell’immenso patrimonio culturale proprio del Salento. Segue...

La calandra (San Cassiano)

 

La calandra (San Cassiano) Canto d'amore cantato dal'innamorato all'innamorata in un'altra versione differente da quella precedentemente pubblicata.

"La calandra (San Cassiano)

  Ci s’ha manciatu lu core de la calandra

   ci s’ha manciatu lu core de la calandra

   me l’aggiu manciatu ieu

   me l’aggiu manciatu ieu lu core tou calandra mia

 

   La calandra (San Cassiano)

   Chi si è mangiato il cuore della calandra

   chi si è mangiato il cuore della calandra

   siete sempre allegre e spensierate

   l'ho mangiato io il tuo cuore calandra mia"

O fimmine ca alle ulie sta sciati (San Cassiano)

 

O fimmine ca alle ulie sta sciati (San Cassiano) Canto di lavoro relativo al periodo della raccolta delle olive.

"O fimmine ca alle ulie sta sciati (San Cassiano)

  O fimmine ca alle ulie sta sciati

   ve zati la mattina cu lu sole

   allegre e spensierate sempre stati

   ca a sira puru vui faciti amore.

 

   O donne che state andando alle olive (San Cassiano)

   O donne che state andando (a raccogliere) le olive

   vi alzate la mattina con il sole

   siete sempre allegre e spensierate

   che la sera anche voi fate all'amore."

U rusciu de lu mare (San Cassiano)

 

‘U rusciu de lu mare (San Cassiano) Altra versione del noto canto d'amore salentino raccolto nella zona di San Cassiano.

"‘U rusciu de lu mare (San Cassiano)

   Na sira ieu passai de li paduli,

   e ‘ntisi le cranocchiule cantare (2 V)

   A una a una ieu le sintia cantare,

   ca me pariane ‘u rusciu de lu mare (2 V)

 

   Il rumore del mare (San Cassiano)

   Una sera passai vicino alle paludi,

   e sentii le ranocchie cantare. (2 V)

   Le sentivo cantare ad una ad una,

   tanto che mi sembravano il rumore del mare. (2 V)"

La mia mamma mi diceva / Vogliamo le bambole (Cutrofiano)

"La mia mamma mi diceva (Vogliamo le bambole)" è un canto popolare italiano,  qui sotto viene ripartato nella versione tipicizzata nel Salento e nel dettaglio a Cutrufiano.

"La mia mamma mi diceva (Vogliamo le bambole)

   La mia mamma mi diceva

   non amar le donne bionde che son tutte vagabonde

   non mi sposerò mai più mai più mai più...

   mai più!

 

   La mia mamma mi diceva (Vogliamo le bambole)

   La mia mamma mi diceva

   non amare le donne bionde che son tutte vagabonde

   non mi sposerò mai più mai più mai più...

   mai più!"

Le fimmene (Corigliano d'Otranto)

"Le fimmene (Corigliano d'Otranto)

   Le fimmene de st'annu su tutte nu malannu

   ca fucene allu zitu e non pensanu a lu dannu.

   Rit.

 

   Le donne (Corigliano d'Otranto)

   Le donne di quest'anno sono tutte un malanno

   vanno via con il fidanzato e non pensano al danno.

 

   Rit."

Pagine