Questo sito nasce dal desiderio di condividere un percorso di ricerca sulle tradizioni, la storia e soprattutto i canti del territorio salentino iniziato circa 10 anni fa nell'intento di arricchire chiunque lo desideri di una parte di quell’immenso patrimonio culturale proprio del Salento. Segue...

U rusciu de lu mare (San Cassiano)

 

‘U rusciu de lu mare (San Cassiano) Altra versione del noto canto d'amore salentino raccolto nella zona di San Cassiano.

"‘U rusciu de lu mare (San Cassiano)

   Na sira ieu passai de li paduli,

   e ‘ntisi le cranocchiule cantare (2 V)

   A una a una ieu le sintia cantare,

   ca me pariane ‘u rusciu de lu mare (2 V)

 

   Il rumore del mare (San Cassiano)

   Una sera passai vicino alle paludi,

   e sentii le ranocchie cantare. (2 V)

   Le sentivo cantare ad una ad una,

   tanto che mi sembravano il rumore del mare. (2 V)"

La mia mamma mi diceva / Vogliamo le bambole (Cutrofiano)

"La mia mamma mi diceva (Vogliamo le bambole)" è un canto popolare italiano,  qui sotto viene ripartato nella versione tipicizzata nel Salento e nel dettaglio a Cutrufiano.

"La mia mamma mi diceva (Vogliamo le bambole)

   La mia mamma mi diceva

   non amar le donne bionde che son tutte vagabonde

   non mi sposerò mai più mai più mai più...

   mai più!

 

   La mia mamma mi diceva (Vogliamo le bambole)

   La mia mamma mi diceva

   non amare le donne bionde che son tutte vagabonde

   non mi sposerò mai più mai più mai più...

   mai più!"

Le fimmene (Corigliano d'Otranto)

"Le fimmene (Corigliano d'Otranto)

   Le fimmene de st'annu su tutte nu malannu

   ca fucene allu zitu e non pensanu a lu dannu.

   Rit.

 

   Le donne (Corigliano d'Otranto)

   Le donne di quest'anno sono tutte un malanno

   vanno via con il fidanzato e non pensano al danno.

 

   Rit."

Strina grica (Corigliano d'Otranto)

"Strina grica (Corigliano d'Otranto)

   Ti diàvàlo mmeni n'ascosì?

   Èchi tris ore ca su travudò

   isìmase o derlòggio, ècame trì

   ce ancora se torò so scotinò!

 

  Strina grica (Corigliano d'Otranto)

  Cosa diavolo aspetti ada alzarti?

  Sono tre ore che ti canto

  è suonato l'orologio, ha fatto le tre

  e ancora ti vedo al buio!"

Lazzarenu (Corigliano d'Otranto)

"Lazzarenu (Corigliano d'Otranto)

  Buonasera ma quiste case

  ma tutti quanti ma l'abitanti.

  Osci osci se fa missione

  e ca mo ci Lazzaru è surscitato.

 

  Lazzareno (Corigliano d'Otranto)

  Buonasera a queste case

  e a tutti quanti gli abitanti.

  Oggi oggi compiamo questa missione

  oggi che Lazzaro è risorto."

Pagine