Quando ero piccolino (Cannole)

Quando ero piccolino (Cannole) Tale canto non è propriamente salentino ma lo si ritrova in alcune diverse varianti in tutta Italia.

"Quando ero piccolino (Cannole)

  Quando ero piccolino
  andavo in braccio al mio papà
  mi diceva Ninello fai grande
  che ti voglio maritar."

Rondinella (Cannole)

Rondinella (Cannole) Canto diffuso nel Salento riportato qui nella versione raccolta a Cannole.

"Rondinella (Cannole)

  Fujazza de ulia scittata a l'oju
te sci vantandu ca moru pe tie
nu t'aggiu ulutu mai
e mancu te oju
mancu de la toa razza ieu pretendu

 

  Rondinella (Cannole)

  Foglia di oliva gettata nell'olio
ti vantavi che morivo per te
non ti ho mai voluto
e nemmeno ti voglio
e nemmeno della tua razza pretendo. "

Quandu l'auceddhu (Cannole)

Quandu l'auceddhu (Cannole) Strofe che racchiudono metafore relativi alla natura per nascondere un doppio senso d'amore.

"Quandu l'auceddhu (Cannole)

  L'auceddhu quandu pizzica la fica
  la bocca se la sente zuccherata

 

  Quandu l'auceddhu (Cannole)

  L'uccello quando pizzica il fico
  si sente la bocca dolce dolce. "

Finestra vascia (Cannole)

Finestra vascia (Cannole) Canto che raccoglie dei sospiri d'amore del innamorato verso il suo amore.

"Finestra vascia (Cannole)

  Finestra vascia va' patruna crudele
quanti suspiri m'hai fattu scittare
m'arde lu pettu comu doi candele
more quandu te sentu numinare

 

  Finestra vascia (Cannole)

  Finestra bassa bassa padrona crudele
quanti sospiri mi hai fatto gettare
il petto arde come due candele
muoio quando ti sento nominare "

Pagine