Me misi a cumbattire (Cannole)

Me misi a cumbattire (Cannole) Canto d'amore salentino che evoca figure marinare.

"Me misi a cumbattire (Cannole)

  Me misi a cumbattire cu nu scoiju
  pe vidire la potenza de lu mare
  la cchiui forte petra era lu scoiju
  ca notte e giurnu lu sbatte lu mare

 

  Me misi a cumbattire (Cannole)

  Mi misi a combattere con uno scoglio
  per vedere la potenza del mare
  Ia pietra più forte era lo scoglio
  che notte e giomo la sbatte il mare. "

Cucurucù (Cannole)

Cucurucù (Cannole) Canto da osteria qui raccolto nella versione di Cannole.

"Cucurucù (Cannole)

  Ieu te cantu lu cucurucù

  dimmi dimmi che cosa vuoi tu

  e io voglio Ii tuoi capelli

  dei miei capelli che cosa ne fai

  per fare un nido Ii passarielli

  e cantare lu cucurucù.

 

  Cucurucù (Cannole)

  Io ti canto il cucurucù

  dimmi dimmi che cosa vuoi tu

  io voglio i tuoi capelli

  dei miei capeili che cosa ne fai

  faccio nidi agli uccellini

  poi ti canto il cucurucù. "

Teresina (Cannole)

 

Teresina (Cannole) Canto diffuso nel salento sfumatura del più noto canto "La Ceserina".

 "Teresina

   Scindu de le muntagne gaddhipuline 

   nu sacciu se la trou la Teresina 

   uehi Teresina mia Teresina cara 

   mienzu lu pettu tou nc’é na catena .

   Teresina

   Scendo dalle montagne gallipoline

   non so se la trovo Teresina 

   Teresina mia Teresina cara

   nel tuo seno c'é una catena"

Costantino (Cutrofiano)

Costantino (Cutrofiano) Struggente canto d'amore di un soldato che tornando a casa apprende la notizia della morte della sua amata.

"Costantino (Cutrofiano)

   A Firenze facevo il soldato
   na letterina mi vidi arrivà, mi vidi arrivà
   e capitanu dammi licenzia
   che a casa debbo andar.

 

   Costantino (Cutrofiano)

   A Firenze facevo il soldato
   una letterina vidi arrivare, mi vidi arrivare,
   capitano dammi licenza
   che devo andare a casa."

Pagine