Pizzica degli Ucci (Cutrofiano)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Pizzica degli Ucci

...e lu tamburieddhu
ca lu tamburieddhu meu vinne de Roma
ca mannaggia ci lu canta
na mannaggia ci lu canta
ca mannaggia ci lu canta
e ci lu sona
e ma ci lu sona ma ci lu sona
ca mannaggia ci lu canta
e ci lu sona.

E comu ballati bellu tutti doi
comu na coppia
de basilicoi.

E ballati cu bu casciane li piedi
e de sotta le scianucchie pari pari.

E nun aggiu vistu mai do' cori uniti
e come simu nui doi li sventurati.

E aggiu fare l'amore cu na piccinna
e minata sullu liettu chiama mamma.

E aggiu fare l'amore cu ci capisce
e sente la voce mia la riconosce.

E dici ca nu me voi ca nu su bella
e a 'n addhu amante li pariu na stella.

E nun aggiu né mangiatu né bevutu
ca sempre 'lli toi bellizzi
aggiu pensatu.

E si piccolina e teni la vocca a risu
e beatu ci te dae lu primu baciu.

E lu primu baciu
lu 'nfili ma cu lu filu
e cridi Ninellu miu si carceratu.

E dammelu a mie ca me l'ha 'mprumisu
ca se no me fai morire disperatu.

E lu tamburieddhu meu vinne de Roma
ca mannaggia ci lu canta
e ci lu sona.

E tutti me lu vantara lu trappitu
e me lu vantava
ci nu era statu.

E quandu iu scei a ddhai
'cchiai 'n omu stisu
ca de sette parmi menzu mmesuratu.

E t'aggiu dare nu vasu getta focu
e cu te lu teni pe ricordu miu.

E lu carceru de Lecce è cruci cruci
e de lu luntanu passane l'amici.

E comu aggiu fare ca volìa te vasu
e pijate la paletta
e va allu focu.

E se te dice la mamma c'hai
na dinne ca è stata
na spitta de focu.

La mamma de la zita
è na bona donna
cent'anni me paria
la chiamu mamma.
Ahi Caterina, bim, bum, undici!!!

Pizzica degli Ucci

... e il tamburrello
li mio tamburrello venne da Roma
mannaggia chi canta,
mannggia chi canta
mannaggia chi canta (con esso)
e chi lo suona
e chi lo suona e chi lo suona
mannaggia chi canta (con esso)
e chi lo suona.

Come ballate bene tutti e due
come una coppia
di piante di basilico.

Ballate fino a farvi cadere i piedi
da sotto alle ginocchia.

Non ho visto mai due cuori uniti
come noi due, sventurati.

Devo fare l'amore con una fanciulla
buttata sul letto chiamerà la mamma.

Devo fare l'amore con chi capisce
sente la mia voce e la riconosce.

Dici che non mi vuoi che non son bella
ad un altro amante sembro una stella.

Non ho mangiato né bevuto
ho pensato sempre
alle tue bellezze.

Sei piccola e sei sempre allegra
beato chi ti bacia per primo.

E il primo bacio
ti lega a un filo
credimi Ninello sei prigioniero.

Dallo a me che l'hai promesso
se no mi fai morire disperato.

Il tamburrello mio venne da Roma
mannaggia chi canta (con esso)
e chi lo suona.

Tutti mi hanno lodato il frantoio
ma ne parla bene
chi non ci ha lavorato.

C'era per terra
un "uomo steso"*
lungo sette palmi e mezzo.

Ti devo dare un bacio che getti fuoco
perché ti ricordi di me.

Il carcere di Lecce è pieno di croci
da lontano passano gli amici.

Vorrei baciarti ma non so come fare
prendi la paletta
e vai a prendere il fuoco.

Se la mamma dice che hai tardato
dille che è stato per colpa
di una scintilla.

La mamma della sposa
è una donna buona
aspettavo di poterla chiamare mamma
da cent'anni.
Ahi, Caterina, bim, bum, undici!!!

Sondaggio

Ti piace la nuova grafica del sito laterradelrimorso.it ?

Per noi la tua opinione è molto importante! Ti ricordiamo che: i valori da 1 a 5 hanno valenza negativa, i valori da 6 a 7 sono neutri, invece i valori da 8 a 10 identificano un giudizio positivo. Il sondaggio è aperto dal 20-07-2014 e terminerà il 30-11-2014. I risultati saranno visibili a tutti dal 01-12-2014. Grazie anticipatamente dallo staff di ApWebManagement per aver espresso la tua opinione.

10
52% (44 voti)
9
19% (16 voti)
8
12% (10 voti)
1
7% (6 voti)
7
6% (5 voti)
5
1% (1 voto)
2
1% (1 voto)
3
1% (1 voto)
4
0% (0 voti)
6
0% (0 voti)
Total votes: 84