Pizzica di San Vito (San Vito dei Normanni)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Pizzica di San Vito

Non c'era da vinì, non c'era da vinì,
non c'era da vinì e so' vinutu,
so' li sospiri tua, so' li sospiri tua,
so' li sospiri tua
m'hannu chiamatu.

Ah uellì, mu lu vecu ti vinì,
mu lu vecu ti nchianà,
mi ta la manu e si ni va.
Ah uellì, mu lu vecu ti vinì
mu lu vecu ti nchianà,
mi ta la manu e si ni va.

E sì chiù bella tu, e sì chiù bella,
e sì chiù bella tu ti na cirasa,
iata all'amori tua, iata all'amori tua,
iata all'amori tua quannu ti vasa.

Ah uellì uellì uellà,
la pacchianella mea
quannu chiamu ata vinì.
Ah uellì uellì uellà,
la pacchianella mea
quannu chiamu ata vinì.

Maranceddha npiettu, na maranceddha
na maranceddha npiettu t'agghia tirari,
la vanna ti lu cori, la vanna ti lu cori,
la vanna ti lu cori t'agghia feriri.

Ah uellì uellì uellà,
quanta chiù paroli tini,
no mi n'agghia nnamurà.
Ah uellì uellì uellà,
quanta chiù paroli tini,
no mi n'agghia nnamurà.

Ti li capelli tua, ti li capelli,
ti li capelli tua so nnamuratu,
li vecu ti vulà, li vecu ti vulà,
li vecu ti vulà ntallu vientu.

Occhi cu occhi,
cu deggi perdi l'occhi,
a ci tici mali nuestru scatta lu cori.
Occhi cu occhi,
cu deggi perdi l'occhi,
a ci tici mali nuestru scatta lu cori.

A dò te pizzicatu,
a dò te pizzicatu,
a dò te pizzicatu la tarantella,
sott'allu giru giru, sott'allu giru giru,
sott'allu giru giru ti la cunnella.

Ah uellì uellì uellà,
quanta chiù paroli tini,
no mi n'agghia nnamurà.
Ah uellì uellì uellà,
quanta chiù paroli tini,
no mi n'agghia nnamurà.

Quann'anti nima fa, quann'anti nima fa,
quann'anti nima fa nu iavuncellu*,
ni ma chiamà lu cori,
ni ma chiamà lu cori,
ni ma chiamà
lu cori manu manu.

Occhi cu occhi,
cu deggi perdi l'occhi,
a ci tici mali nuestru scatta lu cori.
Occhi cu occhi,
cu deggi perdi l'occhi,
a ci tici mali nuestru scatta lu cori.

Ti lu ritornu a dì, ti lu ritornu,
ti lu ritornu a dì pi n'ata fiata,
alla cumpagnia va, a Santu Vitu va,
alla cumpagnia va sta sirinata.

Ah uellì uellì uellà,
n'ata vota statti bona,
tu ti me no ti scurdà.
Ah uellì uellì uellà,
n'ata vota statti bona,
tu ti me no ti scurdà.

Pizzica di San Vito

Non dovevo venire, non dovevo venire,
non dovevo venire e son venuto,
sono i tuoi sospiri, sono i tuoi sospiri,
sono i tuoi sospiri
che mi hanno chiamato.

Ah uellì, ora lo vedo venire,
ora lo vedo salire,
mi da la mano e se ne va via.
Ah uellì, ora lo vedo venire,
ora lo vedo salire,
mi da la mano e se ne va via.

Tu sei più bella, tu sei più bella,
tu sei più bella di una ciliegia,
beato il tuo amore, beato il tuo amore,
beato il tuo amore quando ti bacia.

Ah uellì uellì uellà,
quando chiamo la mia ragazza
deve venire.
Ah uellì uellì uellà,
quando chiamo la mia ragazza
deve venire.

Un'arancia nel petto, un'arancia
un'arancia nel petto ti devo tirare,
la parte del cuore, la parte del cuore,
la parte del cuore ti devo ferire.

Ah uellì uellì uellà,
quante più parole dici,
non mi devo innamorare.
Ah uellì uellì uellà,
quante più parole dici,
non mi devo innamorare.

Dei tuoi capelli, dei tuoi capelli,
dei tuoi capelli mi sono innamorato,
li vedo volare, li vedo volare,
li vedo volare nel vento.

Occhio per occhio,
che debba perdere gli occhi,
a chi dice male di noi gli scoppi il cuore.
Occhio per occhio,
che debba perdere gli occhi,
a chi dice male di noi gli scoppi il cuore.

Dove ti ha pizzicato,
dove ti ha pizzicato,
dove ti ha pizzicato la tarantella,
sotto l'orlo, sotto l'orlo,
sotto l'orlo della gonnella.

Ah uellì uellì uellà,
quante più parole dici,
non mi devo innamorare.
Ah uellì uellì uellà,
quante più parole dici,
non mi devo innamorare.

Qui devo fare, qui devo fare,
qui devo fare un posto per sedermi,
ci dobbiamo chiamare il cuore,
ci dobbiamo chiamare il cuore,
e sempre ci dobbiamo chiamare
il cuore.

Occhio per occhio,
che debba perdere gli occhi,
a chi dice male di noi gli scoppi il cuore.
Occhio per occhio,
che debba perdere gli occhi,
a chi dice male di noi gli scoppi il cuore.

Te lo ritorno a dire, te lo ritorno,
te lo ritorno a dire per un'altra volta,
alla compagnia va, a san Vito va,
alla compagnia va questa serenata.

Ah uellì uellì uellà,
un'altra volta stai bene
e di me non ti scordar.
Ah uellì uellì uellà,
un'altra volta stai bene
e di me non ti scordar.

*anche "sittaturu"

Sondaggio

Ti piace la nuova grafica del sito laterradelrimorso.it ?

Per noi la tua opinione è molto importante! Ti ricordiamo che: i valori da 1 a 5 hanno valenza negativa, i valori da 6 a 7 sono neutri, invece i valori da 8 a 10 identificano un giudizio positivo. Il sondaggio è aperto dal 20-07-2014 e terminerà il 30-11-2014. I risultati saranno visibili a tutti dal 01-12-2014. Grazie anticipatamente dallo staff di ApWebManagement per aver espresso la tua opinione.

10
52% (44 voti)
9
19% (16 voti)
8
12% (10 voti)
1
7% (6 voti)
7
6% (5 voti)
5
1% (1 voto)
2
1% (1 voto)
3
1% (1 voto)
4
0% (0 voti)
6
0% (0 voti)
Total votes: 84