Pizzica in La minore (San Vito dei Normanni)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Pizzica in La minore

Non c'era da vini,
non c'era da vini,
non c'era da vini e so vinutu,
so li sospiri tua,
so li sospiri tua,
so li sospiri tua
m'hanno chiamato.

ah uellì mu lu vecu ti viniri,
mu lu vecu ti nchianà,
mi ta la manu e si ni va.

Ti li capelli tua,
ti li capelli,
ti li capelli tua so nnamurato,
li vecu ti vulà
li vecu ti vulà,
li vecu ti vulà int'allu vientu.

ah uelli uellì uellà,
la pacchianella mea
quannu la chiamu ava vvinì.

Ti li capelli tua,
ti li capelli,
ti li capelli tua so nnamurato,
li vecu ti vulà
li vecu ti vulà,
li vecu ti vulà int'allu vientu.

A uellì uelli uellà,
quanta cchiù paroli tini
no mi n'agghia nnamurà.

E dò te pizzicato,
e dò te pizzicato,
e dò te pizzicato la tarantella,
sott'ano giro giro,
sott'ano giro giro,
sott'ano giro giro ti la vunnella.

occhi cu occhi
cu dieggi perdi Tocchi,
ci tici mali nuestru
scattà lu cori.

Quann'anzi nima fa,
quann'anzi nima fa,
quann'an¬zi nima fa nu iavuncieddu
n'ama chiamà lu cori,
n'ama chiamà lu cori,
n'ama chiamà lu cori
manu manu.

ah uellì uellì uellà,
la pacchianella mea
quannu la chiamo ava vini.

Ti lu ritorno a di,
ti lu ritorno,
ti lu ritorno a dì pi nata fiata,
alla compagnia va,
alla compagnia va,
alla compagnia va sta sirinata.

Pizzica in La minore

Non dovevo venire,
non dovevo venire,
non dovevo venire e son venuto,
sono i tuoi sospiri,
sono i tuoi sospiri,
sono i tuoi sospiri
che mi hanno chiamato.

Ah uellì ora lo vedo venire,
ora lo vedo salire,
mi dà la mano e se ne va.

Dei tuoi capelli,
dei tuoi capelli,
dei tuoi capelli sono innamorato,
li vedo volare,
li vedo volare,
li vedo volare nel vento.

Ah uellì uellì uellà
la ragazza mia
quando la chiamo deve venire.

Dei tuoi capelli,
dei tuoi capelli,
dei tuoi capelli sono innamorato,
li vedo volare,
li vedo volare,
li vedo volare nel vento.

Ah uellì uellì uellà
quante più parole dici
non mi devo innamorare.

Dove ti ha pizzicato,
dove ti ha pizzicato,
dove ti ha pizzicato la tarantella,
sotto l'orlo,
sotto l'orlo,
sotto l'orlo della gonnella.

Occhio per occhio,
che debba perdere gli occhi
a chi dice male di noi
che gli schiatti il cuore.

Qui davanti ci dobbiamo,
qui davanti ci dobbiamo,
qui davanti ci dobbiamo sedere,
ci dobbiamo chiamare,
ci dobbiamo chiamare,
ci dobbiamo chiamare il cuore
mano a mano.

Ah uellì, uellì, uellà
la ragazza mia
quando la chiamo deve venire.

Te lo ritorno a dire,
te lo ritorno,
te lo ritorno a dire un'altra volta,
alla compagnia va,
alla compagnia va,
alla compagnia va questa serenata.

Note: San Vito ha sofferto in passato di vere e proprie epidemie di tarantismo. Caratteristiche specifiche del morbo sanvitese erano che quasi tutte le crisi si svolgevano in acqua, riscontro unico in tutto il Salento, ed il rito della guarigione che non prevedeva, come in tutta l'area a nord di Brindisi, la grazia di nessun santo, ma era essenzialmente di musica, acqua e colori. Questa pizzica in la minore a violino, rintracciabile solo a San Vito dei Normanni, era considerata la più efficace nella cura del morbo e a memoria dei più anziani ritenuta antichissima , tant'è che viene chiamata da questi anche l'originaria. Per la sua particolarità melodica, unica in tutto il Salento, viene chiamata ormai pizzica ti Santo Vitu.

Sondaggio

Ti piace la nuova grafica del sito laterradelrimorso.it ?

Per noi la tua opinione è molto importante! Ti ricordiamo che: i valori da 1 a 5 hanno valenza negativa, i valori da 6 a 7 sono neutri, invece i valori da 8 a 10 identificano un giudizio positivo. Il sondaggio è aperto dal 18-06-2018 e terminerà il 21-07-2018. I risultati saranno visibili a tutti dal 22-07-2014. Grazie anticipatamente dallo staff di ApWebManagement per aver espresso la tua opinione.

10
80% (8 voti)
4
10% (1 voto)
8
10% (1 voto)
1
0% (0 voti)
2
0% (0 voti)
3
0% (0 voti)
5
0% (0 voti)
6
0% (0 voti)
7
0% (0 voti)
9
0% (0 voti)
Total votes: 10