Benvenuto sullo spazio blog " LA TERRA DEL...

Prima di distinguere una tipologia dei canti...

 

Da sempre il canto e...

 

Si piccurilla (Martano)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Si piccurilla

Si picculina e ndai stu core arditu
l'ampressa porti de lu maritare(2v)
O Diu se io volessere un pittore
nu litrattinu te volvo fare(2v)
Se ti portasse alle cambere mei
de notte e giorno te volia smirare(2v)
Na rondi de lu mare, mare e core
piccula è la lumia grande l'ardore(2v)
Tronu de marzu li pozza cadire
a chi fo ca me scucchia
de primu amore(2v)
Lu lettu a dhu dormi sia de spine
lu capitale de petra nfernale(2v)
A mezzu menzu cu se troa na spina
cu te trapassa l'anima e lu core(2v)
Na rondi de lu mare mare dhoi
me llevasti la perla de l'occhi mei(2v)

Sei piccolina

Sei piccolina ma hai un cuore ardito
hai fretta di maritarti
O Dio, se io fossi un pittore
ti vorrei fare un ritratto
Lo porterei nelle mie camere
e lo guarderei giorno e notte
Rondine del mare, mare e cuore
piccola è la fiamma, grande l'ardore
Tuono di marzo possa cadere
a chi mi divise
dal primo amore
Il letto dove dorme sia di spine
il cuscino di pietra infernale
proprio nel mezzo si trovi una spina
che gli trapassi l'anima e il cuore
Rondine del mare, mare due
mi hai tolto la perla degli occhi miei.

Note: Il desiderio dell'innamorato è quello di essere un pittore e fare il ritratto dell'amata. Il canto finisce con l'invocazione al cielo che possa punire chi divise i due amanti e che non possa mai trovare pace in questa terra

 

Sede

Via del Fosso, snc 

Lucugnano - Tricase - Lecce

ITALIA

Newsletters

Iscriviti per ricevere gli ultimi aggiornamenti, notizie e altro ancora...

Contatti

Puoi contattarci tramite:

Web: Contattaci Online

info@laterradelrimorso.it