Benvenuto sullo spazio blog " LA TERRA DEL...

Prima di distinguere una tipologia dei canti...

 

Da sempre il canto e...

 

Sta passa lu popori (San Vito dei Normanni)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Sta passa lu popori

Sta passa lu popori
ti sobb'alla ferrovia,
llivati li campanieddi,
no mi creu ch'è Cosumu bbeddu.

A Stuni m'è purtatu,
lu pani moddi m'è ccattatu,
iu acchia c'era avutu
e Cosumu mia int'allu chiaùtu.

E quannu sta llavava
ti fronti lu tineva,
la fronti chiara chiara
comu all'acqua ti lu mari.

E quannu sta mureva,
canatu ce mi lassi,
ti lassu li uarnamienti,
canatu mia no vogghiu nienti.

E l'arvili so ierti,
li munti sò pianuri,
la figghia ti la massara
voli ffaci la signura.

Sta passando il vapore

Sta passando il vapore
sopra alla ferrovia,
levate i campanelli,
non credo ch'è Cosimo bello.

A Ostuni mi ha portato
ed il pane tenero mi ha comprato,
io chissà cosa avevo avuto
e Cosimo mio nella bara.

E quando lavavo
lo tenevo di fronte,
la fronte chiara chiara
come l'acqua del mare.

E quando stava morendo
"Cognato che mi lasci?"
"Ti lascio i guarnimenti"
"Cognato mio non voglio niente".

E gli alberi sono alti,
i monti sono pianure,
la figlia della massara
vuole fare la signora.

Note: E' la storia di un amore impossibile che vede ancora una volta la morte dell'amato. In questo caso però lei si scopre più interessata agli averi che al destino del moribondo.

 

Sede

Via del Fosso, snc 

Lucugnano - Tricase - Lecce

ITALIA

Newsletters

Iscriviti per ricevere gli ultimi aggiornamenti, notizie e altro ancora...

Contatti

Puoi contattarci tramite:

Web: Contattaci Online

info@laterradelrimorso.it