Benvenuto sullo spazio blog " LA TERRA DEL...

Prima di distinguere una tipologia dei canti...

 

Da sempre il canto e...

 

Stornelli (I) (Melendugno)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Stornelli

Bongiornu mare, bongiornu marina
statte goti miu bbene
ura pe' ura.

Lu mare mi risponde "poverina"
te troi lontana
pe' malefurtuna.

Vestire mi vorrei di pellegrina
cu me lu gotu iu nu quartu d'ura.

Se stia vicina comu stau luntana
te lu cconzava ieu lu liettu
la sira.

Ca cce si brutta te cascia na coccia
de l'aria tti nne cascia
na catasta.

Ca me ssimiji na merula de macchia
nu te cumbene nuddha ghettatura.

Magari cu tte 'llai te mini acqua
niura si stata e sinti de natura.

Accorta cu nu passi de la chiazza
cu nu tte iscia lu diaulu
e se mpaura.

Stornelli

Buongiorno mare, buongiorno marina
vi state godendo il mio amore
ora per ora.

Il mare mi risponde "poverina"
sei lontana dal tuo amore
per mala sorte.

Vestire mi vorrei da pellegrina
per godermelo io per un quarto d'ora.

Se io fossi vicina come sono lontana
te lo metterei a posto io il letto
la sera.

Quanto sei brutta ti venisse un colpo
dal cielo ti colpisse
una catasta di fulmini.

Somigli ad un merlo di macchia
non ti può nessuna iettatura.

E' inutile che ti lavi e ti bagni tutta
se e sei sempre stata nera di natura.

Attenta a non passare dalla piazza
che se ti vede il diavolo
certo si spaventa.

 

Sede

Via del Fosso, snc 

Lucugnano - Tricase - Lecce

ITALIA

Newsletters

Iscriviti per ricevere gli ultimi aggiornamenti, notizie e altro ancora...

Contatti

Puoi contattarci tramite:

Web: Contattaci Online

info@laterradelrimorso.it