Sturnelli (Spongano)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Sturnelli

Nui simu de Spunganu
e ne sapimu
a ddhrunci sciamu la parma purtamu.

Tutti me l'hane dittu mo' cu te lassu
ma l'aggiu dittu fare ma no' la possu.

E le canzoni nui no' le scrivimu
basta 'vvardamu an terra
e le trovamu.

Ci te l'ha dittu beddhra ca no' te amu
duminica te portu allu giardinu.

E l'acqua ci te lavi ma la matina
ti preu Ninella mia no' la minare.

E bella li toi capelli e no' li tagliare
e lasciali spiendulati e pe' lu sole.

Lu ienticellu vene e li fa cutulare
e cannuli d'oru li fa cumparire.

Ulìa 'ccuminciu cantare propriu de qquai
fazzu la riverenza a tutti voi.

E t l'aggiu dittu cu no' vai alla spiga
se voi lu cranu
te lu mannu 'ccasa.

All'erta scìa lu sole mo no' parìa
era la neja ci lu superava.

Amore amore crida mo' la nucella
se no' la cazzi
non si può mangiare.

E a sutta l'ombra de li toi capelli
e a dhhrai vegnu la notte a ripusare.

Beddhra 'lla tua finestra
mo' manca un vetro
e ricordate dei baci ca t'aggiu dati.

Ca t'aggiu dati amore mio
Ricordati li baci che io ti ho dati.

'Nfaccite alla finestra mo' se ci sei
dammi un bicchiere d'acqua
mo' se ce l'hai.

Se no' mbo' me lu dai patrona sei
verrà nu giornu che la pagherai.

E donna ci stai allu pizzo
mo' de la Francia
e dimme l'amore
come se 'ccumincia.

E l'amore se 'ccumincia cu soni e canti
e se va spicciare cu pene e trumenti.

E pene trumenti nah, dici lu veru
ca se finisce cu pene e trumenti.

Stornelli

Noi siamo di Spongano
e ci conosciamo
dovunque andiamo siamo rinomati.

Tutti mi hanno consigliato di lasciarti
ma a tutti ho risposto che non posso.

E le canzoni noi non le scriviamo
basta che guardiamo per terra
e le troviamo.

Chi te lo ha detto, bella, che non ti amo?
Domenica ti porterò in un giardino.

L'acqua con cui ti lavi al mattino
ti prego, Ninella: non gettarla via.

Bella, i tuoi capelli non li tagliare
lasciali sventolare al sole.

Verrà il vento a farli muovere
e sembreranno boccoli d'oro.

Vorrei cominciare a cantare proprio qui
per fare la riverenza a tutti voi.

Ti ho detto di non andare a spigolare
perchè se vuoi grano
te ne porterò io a casa.

Il sole andava in aria ma non si vedeva
la nebbia era tanto fitta da coprirlo.

Amore, amore grida la nocciola
ma se non rompi l'involucro
non puoi mangiarla.

Sotto il riparo dei tuoi capelli
verrò di notte a riposare.

Bella, alla tua finestra
manca un vetro
ma ricordati dei baci che ti ho dato.

Che ti ho dato amore mio
ricordati i baci che io ti ho dato.

Affacciati, bella se ci sei
dammi un bicchiere d'acqua
se ce l'hai.

Ma se non vuoi sei padronissima di farlo
verrà un giorno che te ne pentirai.

Donna che stai all'estremità
della Francia
dimmelo, se lo sai
come comincia l'amore.

L'amore incomincia con suoni e canti
e va a finire con pene e tormenti

E' vero ciò che dici
perchè va a finire con pene e tormenti.

"Testi tratti dalla tradizione orale ed etinica del Salento, un tributo che identifica il repertorio poetico-musicale del territorio da considerare esclusivo patrimonio di tutta la collettività Salentina."

Sondaggio

Ti piace la nuova grafica del sito laterradelrimorso.it ?

Per noi la tua opinione è molto importante! Ti ricordiamo che: i valori da 1 a 5 hanno valenza negativa, i valori da 6 a 7 sono neutri, invece i valori da 8 a 10 identificano un giudizio positivo. Il sondaggio è aperto dal 18-06-2018 e terminerà il 21-07-2018. I risultati saranno visibili a tutti dal 22-07-2014. Grazie anticipatamente dallo staff di ApWebManagement per aver espresso la tua opinione.

10
80% (8 voti)
4
10% (1 voto)
8
10% (1 voto)
1
0% (0 voti)
2
0% (0 voti)
3
0% (0 voti)
5
0% (0 voti)
6
0% (0 voti)
7
0% (0 voti)
9
0% (0 voti)
Total votes: 10