Benvenuto sullo spazio blog " LA TERRA DEL...

Prima di distinguere una tipologia dei canti...

 

Da sempre il canto e...

 

Su 'rrivatu a Sanfrangiscu (Cutrofiano)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Su 'rrivatu a Sanfrangiscu

Su 'rrivatu a Sanfrangiscu
non sapendo
comu agiscu
cu nu vecchiu camburrista
m'aggiu misu a pazzia'.

Pazziandu e pazziandu
di curtello e di bastone
pe spregiare stu carognone
che tradisce la Società.

Mo' se presenta nu picciuttellu
cu la coppula de sgarru
esci fore maresciallu
ca la facce t'aggiu spregia'.

Mo se presenta nu capupostu
cu la coppula de sgarru
cu lu bastoncino a manu
cinque lire tu m'hai de da'.

Cinque lire iu nu le tegnu
cinque lire no ti le do
sei picciotto di prima uscita
no 'ppartieni 'lla Società.

Società cu 'nzegna è bona
di curtello e di bastone
pe spregiare stu carognone
che tradisce la società.

Sono giunto a "Sanfrangiscu"

Sono giunto a Sanfrangiscu*
per non aver saputo
comportarmi giustamente
con un vecchio camorrista
ho iniziato a far lo stupido.

Ho fatto lo stupido
con il coltello e con il bastone
per sfregiare questa gran carogna
che tradisce la Società.

Mi si presenta un ragazzotto
con il cappello di traverso
"esci fuori maresciallo
che ti devo sfregiare la faccia".

Mi si presenta un "capoposto"
con il cappello di traverso
in mano un bastoncino
"Devi darmi cinque lire"

"Non ho cinque lire
e non te le do
sei un ragazzo alle prime armi
e non appartieni alla Società".

La Società è capace di insegnare
a tirare di coltello e di bastone
per sfregiare la gran carogna
che tradisce la Società.

Note:

*San Francesco è il carcere di Lecce.

 

Sede

Via del Fosso, snc 

Lucugnano - Tricase - Lecce

ITALIA

Newsletters

Iscriviti per ricevere gli ultimi aggiornamenti, notizie e altro ancora...

Contatti

Puoi contattarci tramite:

Web: Contattaci Online

info@laterradelrimorso.it