Benvenuto sullo spazio blog " LA TERRA DEL...

Prima di distinguere una tipologia dei canti...

 

Da sempre il canto e...

 

Vegnu de le muntagne caddhipuline (Spongano)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Vegnu de le muntagne caddhipuline

Vegnu de le muntagne caddhipuline
no' sacciu se la throu la Caterina.

Uehi, Caterina bella, Caterina cara
se an pettu tie la tieni la catena.

Se tie la tieni an pettu 'ieu a' manu
e tutti doi 'ncatenati siamu.

Giudice mo' ci porti
la penna a' manu
no' me la fare longa
la cundanna.

Ca ieu nonn'aggiu 'ccisu
mancu 'rrubbatu
ma pe' na donna 'ngrata
stau carciratu.

Li dici a quiddha donna ci m'ha cundannatu
li dici 'se pripara lu chiautu.

Li dici se lu face longu e strittu
e cu 'nci thrase dhu miseru corpu.

Lu carciru de Lecce no' lu sapìa
me l'hai fattu 'mparare
pe' l'amore tua.

Lu carciru de Lecce
su croci croci
de lu luntanu passane l'amici.

Vengo dalle alture di Gallipoli

Vengo dalle alture di Gallipoli
e non so se rivedrò Caterina.

Oh Caterina bella, Caterina cara
se tu hai una catenina al collo

io ho una catena ai polsi
e siamo incatenati tutti e due.

Oh giudice che con la penna
che hai in mano
puoi decidere di me:
non mi condannare per lungo tempo.

Perchè non ho ucciso
e non ho rubato
ma mi trovo in prigione
solo per una donna ingrata.

A quella donna che m'ha fatto condannare
dille di preparsi la bara.

Di prepararla lunga e stretta
per far entrare quel corpo gracile.

Non conoscevo il carcere di Lecce
e me lo hai fatto conoscere
per amore tuo.

Il carcere di Lecce
è seminato di tragedie
da lontano passano gli amici.

"Testi tratti dalla tradizione orale ed etinica del Salento, un tributo che identifica il repertorio poetico-musicale del territorio da considerare esclusivo patrimonio di tutta la collettività Salentina."
 

Sede

Via del Fosso, snc 

Lucugnano - Tricase - Lecce

ITALIA

Newsletters

Iscriviti per ricevere gli ultimi aggiornamenti, notizie e altro ancora...

Contatti

Puoi contattarci tramite:

Web: Contattaci Online

info@laterradelrimorso.it