Benvenuto sullo spazio blog " LA TERRA DEL...

Prima di distinguere una tipologia dei canti...

 

Da sempre il canto e...

 

E lu sule calau calau (San Cassiano)

 

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

E lu sule calau calau (San Cassiano)  Canto di lavoro che si cantava al termine della giornata quando l'unico desiderio era quello di essere pagati e di ritornare a casa.

E lu sule calau calau  

 

E lu sule calau calau
mena patrunu ca me ne vau
E se non boi me ne porti
me settu an terra e fuzzu carotti (bis)
 
E li fazzu funni e larghi
quannu passi cu te stampagni
E li fazzu larghi e funni
quannu passi cu te scunfunni (bis)
 
E lu sule calau li punti
mena patrunu facimu li cunti
E lu sule calau li risi
mena patrunu tamme turnisi (bis)
 
E lu sule calau le tende
allu patrunu la ntrama li penne
E cè li penne a fare
pe cinque lire ca naje dare (bis)
 
E lu sule calau calau
caru patrunu ieu me ne vau
E se non boi cu me ne manni
Nu nne faci muti guadagni…(bis)

E lu sule calau calau

 

E il sole tramontò,
sbrigati padrone che me ne vado
E se non vuoi portarmi via
mi siedo a terra e scavo delle buche (bis)
 
E le faccio larghe e profonde
perchè quando passi possa sprofondare
E le faccio profonde e larghe
perchè quando passi possa cadere (bis)
 
E il sole calò i ponti
sbrigati padrone che facciamo i conti
E il sole calò i raggi
sbrigati padrone e dammi i soldi (bis)
 
E il sole abbassò le tende
al padrone gli pendono le interiora
Ma che gli pende a fare
per cinque lire che ci deve dare (bis)
 
E il sole tramontò,
sbrigati padrone che me ne vado
E se non vuoi mandarmi via
non farai molti guadagni…(bis)
 

Sede

Via del Fosso, snc 

Lucugnano - Tricase - Lecce

ITALIA

Newsletters

Iscriviti per ricevere gli ultimi aggiornamenti, notizie e altro ancora...

Contatti

Puoi contattarci tramite:

Web: Contattaci Online

info@laterradelrimorso.it