Benvenuto sullo spazio blog " LA TERRA DEL...

Prima di distinguere una tipologia dei canti...

 

Da sempre il canto e...

 

"IL BELL'ANTONIO" MARTEDì 13 NOVEMBRE 2018 ALLE ORE 21.00 PER LA RASSEGNA CINEMATOGRAFICA LùMIèRE CALICIDICINEMA AL MUST-MUSEO STORICO DI LECCE

Italiano

Posizione

Must- Museo Storico
Via degli Ammirati, 11
Lecce
Italia
IT
Data In Evidenza: 
Martedì, 13 Novembre, 2018 - 21:00
Meteo in tempo reale: 

 

Martedì 13 novembre 2018 alle ore 21.00 si apre la rassegna cinematografica LùMiere Calicidicinema, si tratta di uno degli appuntamenti più seguiti del Salento. Ritorna nelle sale del Must- Museo Storico di Lecce per unire in un evento imperdibile i grandi film del cinema internazionale a pregiati vini prodotti da note aziende vitivinicole salentine. Un cartellone “aperto” per soddisfare gusti e ricordi di film per lo più rari alternati a capolavori senza tempo, sicuramente da vedere.

Nel primo appuntamento, LùMière propone uno dei classici italiani in bianco e nero, “Il bell’Antonio”. Il film, girato nel 1960 da Mauro Bolognini, è liberamente ispirato all’omonimo libro scritto da Vitaliano Brancati. Nel cast, si notano interpreti d’eccezione come Marcello Mastroianni, nei panni del protagonista Antonio, Tomas Milian e Claudia Cardinale, mentre la sceneggiatura porta addirittura la firma di Pier Paolo Pasolini. La pellicola è stata inserita nell’elenco dei 100 film da salvare e si è aggiudicata, alla sua uscita, La Vela d’Oro 1960 al Festival di Locarno.

La quarta stagione della rassegna ritorna in uno degli ambienti del Must più raccolti, informali e più consoni alla intimità e alla convivialità dell’evento, nel quale si potrà godere della visione del film comodamente seduti su divanetti, sgabelli o poltroncine.

Ad allietare la visione del film, la degustazione del vino dell’azienda Palamà di Cutrofiano (LE), partner dell’iniziativa.

Per info e prenotazioni: +39.320.2185491 – calicidicinema@gmail.com

 

 

Evento promosso da:

Ufficio Stampa LùMière Calicidicinema
Giovanna Ciracì
Mail: ciracigiovanna@gmail.com

 

Trama del Film:

Il giovane catanese Antonio Magnano torna a casa dei genitori dopo aver studiato e vissuto a Roma. Bello ed elegante, Antonio è assai ambito dalle ragazze; per di più la sua famiglia ha fama di avere componenti molto "virili". A una festa suo cugino Edoardo gli mostra la fotografia di una ragazza: Antonio viene immediatamente conquistato dalla sua bellezza. Si chiama Barbara ed è figlia del notaio Puglisi, un uomo molto in vista.

Tornato a casa, Antonio sveglia i genitori e annuncia loro immediatamente la sua intenzione di sposarla. I genitori, soprattutto il padre Alfio, si congratulano: ha scelto una ragazza seria e di buona famiglia. Un ruolo di prima importanza per questo matrimonio, combinato dalle famiglie, è lo scambio di favori tra le due parti, che siano legali oppure no.

Dopo le nozze, nei primi mesi gli sposini si dimostrano grande affetto, anche se non vanno oltre baci appassionati, ma dopo un anno dal matrimonio si presenta a casa Magnano il padre di Barbara, che si lamenta con don Alfio del fatto che la figlia sia ancora vergine. Incredulo, il cavaliere lo scaccia e subito telefona al figlio per sincerarsi che quelle del consuocero siano solo basse insinuazioni.

Antonio conferma da parte sua che le cose vanno bene. La famiglia di Barbara era venuta a sapere parecchi mesi prima che il matrimonio non era stato consumato, ma non aveva ritenuto opportuno intervenire. Solo in un secondo tempo, quando si presenta l'occasione di combinare un matrimonio finanziariamente più vantaggioso, il padre di Barbara, senza che né Antonio né la sua famiglia sappiano niente, procede presso la Sacra Rota per far annullare il matrimonio perché non consumato, per di più con il consenso di Barbara, per la quale si è anche trovato un nuovo pretendente di ricca famiglia.

Antonio è in collera con il suocero e ora si trova respinto anche dalla moglie, che gli rivela che non lo considera più suo marito. Sconvolto, non può far altro che sfogarsi con Edoardo, suo cugino nonché migliore amico, al quale rivela le sue prime infelici passioni a Roma, vanificate dall'impotenza; con Barbara, di cui si era subito innamorato, era convinto che le cose avrebbero funzionato. Arriva comunque il giorno in cui il legame sponsale viene annullato e Barbara sposa un ricco duca, lasciando Antonio nello sconforto e Alfio nella rabbia, che lo porterà, per orgoglio virile e familiare, ad accompagnarsi la sera stessa con una prostituta, morendo d'infarto.

Poco tempo dopo la giovane servetta di casa Magnano rimane incinta e la madre di Antonio, interrogandosi su chi possa essere il padre, si volta verso il figlio, e lui le lascia credere quello che desidera. Rosaria, colma di gioia, annuncia le prossime nozze del figlio con la ragazza, anche e soprattutto per ristabilire l'onore della famiglia (è questa una vicenda che non trova riscontro nel libro). Antonio è ancora innamorato di Barbara e non può che vivere nel suo struggente ricordo. L'ipotesi più probabile è che il padre del nascituro sia il cugino. Si tratta di una gravidanza che arriva al momento opportuno: la servetta avrà un marito, il figlio avrà un padre, Antonio e la famiglia godranno di un improvviso salvataggio del loro onore di fronte alla società.

Video - Il Bell'Antonio film con Marcello Mastroianni e sceneggiatura a firma di Pier Paolo Pasolini:

 

Sede

Via del Fosso, snc 

Lucugnano - Tricase - Lecce

ITALIA

Newsletters

Iscriviti per ricevere gli ultimi aggiornamenti, notizie e altro ancora...

Contatti

Puoi contattarci tramite:

Web: Contattaci Online

info@laterradelrimorso.it