Benvenuto sullo spazio blog " LA TERRA DEL...

Prima di distinguere una tipologia dei canti...

 

Da sempre il canto e...

 

La mia signora (Spongano)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

La mia signora

E ieu l'authra sira scei
'casa 'lla mia signora
e la truvai sola su lu lettu
che stava a dormire.

E ieu li tuccai lu pede
e iddha no se sintìa
ieu la vosi baciare
"Ohimè io su' tradita".

"E no non sei tradita no,
nemmeno abbandonata,
ieu su' quel giovanotto
che tanto amore ti portò".

"E dimmelu beddhu dimmelo
di dove sei entrato?"
"E da quel finestrino
dove voi mi avete insegnato".

"E ora che siete entrato
mettiti al fianco mio
e giura davanti a Dio
che non mi lasci mai".

La mia signora

L'altro ieri andai
a casa della mia bella
e la trovai sola sul letto
che dormiva

Io le toccai il piede
e lei non si svegliò
allora provai a baciarla
(e lei disse) "Ohimè io son tradita".

"Non sei tradita,
nemmeno abbandoonata,
perchè io sono quel giovanotto
che ti ama tanto".

"Ma dimmi se tutto è chiuso
da dove siete entrato?"
"Da quella piccola finestra
che mi avete mostrato".

"Ora che sei entrato
sdraiati mettiti al mio fianco
e giura davanti a Dio
che non mi lasci mai".

"Testi tratti dalla tradizione orale ed etinica del Salento, un tributo che identifica il repertorio poetico-musicale del territorio da considerare esclusivo patrimonio di tutta la collettività Salentina."
 

Sede

Via del Fosso, snc 

Lucugnano - Tricase - Lecce

ITALIA

Newsletters

Iscriviti per ricevere gli ultimi aggiornamenti, notizie e altro ancora...

Contatti

Puoi contattarci tramite:

Web: Contattaci Online

info@laterradelrimorso.it