Benvenuto sullo spazio blog " LA TERRA DEL...

Prima di distinguere una tipologia dei canti...

 

Da sempre il canto e...

 

La povera Giulia (San Vito dei Normanni)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

La povera Giulia

E la povera Giulia
"Perchè moristi tu?"
senza la mia Giulia
non posso vivere più.

Ogni pizzùlu ti strada
nci vetu la scrittura,
ciunca passa e leggi,
leggi la mia sventura.

Io marcherò le mura,
le mur del cimitero,
vedi la Giulia mia
vestita bianco ner.

E la povera Giulia
"Perchè moristi tu?"
senza la Giulia mia
non posso vivere più.

Alzai lu tampagnu,
sta nu mazzu ti rose,
sei diventata sposa,
non ti conosco più.

E la povera Giulia
"Perchè moristi tu?"
senza la Giulia mia
non posso vivere più.

La povera Giulia

E la povera Giulia
"Perchè sei morta?"
senza la mia Giulia
non posso vivere più.

Ad ogni angolo di strada
vedo la scrittura,
chiunque passa e legge,
legge la mia sventura.

Io varcherò le mura,
le mura del cimitero,
vedo la mia Giulia
vestita in bianco e nero.

E la povera Giulia
"Perchè sei morta?"
senza la mia Giulia
non posso vivere più.

Alzai il coperchio della bara,
c'è un mazzo di rose,
sei diventata sposa,
non ti conosco più.

E la povera Giulia
"Perchè sei morta?"
senza la mia Giulia
non posso vivere più.

Note: Tipico lamento per la perdita dell'amata. La penultima strofa è la stessa che si ritrova nel canto "Cinquantacincu migghi", una sorta di interscambiabilità fra questi due canti.

 

Sede

Via del Fosso, snc 

Lucugnano - Tricase - Lecce

ITALIA

Newsletters

Iscriviti per ricevere gli ultimi aggiornamenti, notizie e altro ancora...

Contatti

Puoi contattarci tramite:

Web: Contattaci Online

info@laterradelrimorso.it