Benvenuto sullo spazio blog " LA TERRA DEL...

Prima di distinguere una tipologia dei canti...

 

Da sempre il canto e...

 

Notizie Principali

Altre notizie e canti:

  • Lu zitu (Cannole)

    Il canto raccolto a Cannole racconta di un amore ostacolato dai genitori che si rivela vano a causa della mancata corrispondenza da parte dell'amante. Termina il canto con una nota sarcastica.

    Lu zitu (Cannole)

    Lu zitu cu la zita cu se oja
    la mamma cu lu tata cu se scanna
    mamma nu bole papà nemmeno
    come faremo a fare l'amor

     

     

    Il fidanzato (Cannole)

    Il fidanzato e la fidanzata che si vogliono bene
    il papà e la mamma si possono scannare
    mamma non vuole papà nemmeno
    come faremo a fare l'amor

  • Lu monacu meu (Cannole)

    Canto raccolto a cannole che descrive scherzosamente un monaco in rima.

    Lu monacu meu (Cannole)

    Lu monacu meu è nu lazzarone
    ole se mina su le vagnone
    e zà zà zà lu monacu meu zichì zicà
    comu li piace lulleru là là
    lu monacu meu zichì zicà

    Il monaco mio (Cannole)

    Il monaco mio è un lazzarone
    vuole buttarsi sulle ragazze
    e zà zà zà il monaco mio zichì zicà
    come gli piace lulleru là là
    il monaco mio zichì zicà

  • Lu fruttu nou (Cannole)

    Stornello allusivo tramite nomi di frutti e ortaggi

     

     

    Lu fruttu nou (Cannole)

    E' rrivatu lu fruttu nou

    ca se chiama lu piperussu

    ieu stasira vengu e bussu 

    quandu mammata nun c'è

    Quandu mammata nun c'è

    fuci fuci e chiama a me

    ca te iutu lu caricare

    lu scaricare lu scendere  

     

     

    TRADUZIONE

    Il frutto nuovo (Cannole)

    E' arrivato il frutto nuovo

    che si chiama il peperone

    questa sera vengo e busso

    quando tua madre non c'è

    Quando tua madre non c'è

    corri corri e chiamami

    che ti aiuto nel caricare 

    scaricare e scendere

  • Azzate mamma e misura (Cannole)

    Azzate mamma e misura (Cannole)

    Mamma mamma misura le gaddhine

    mò le gaddhine

    vidi ca manca lu meiju capone

    vidi va manca quiddhu cu l'ali turchine

    lu capurale de lu battaijone

    la mamma me mandau cu cattu sale

    e ieu me cattai nu chitarrone

     

    TRADUZIONE

    Alzati mamma e misura (Cannole)

    Mamma mamma conta le galline

    le galline

    vedi che manca il cappone migliore

    vedi che manca quello con le ali turchine

    il caporale del battaglione

    la mamma mi mandò a comprare il sale

    io mi comprai un chitarrone

  • La calandra (San Cassiano)

     

    La Calandra (San Cassiano)  Canto d'amore cantato dal'innamorato all'innamorata in un'altra versione differente da quella precedentemente pubblicata.

     

    La calandra  

    Strofa n1 in dialetto Salentino:

    Ci s’ha manciatu lu core de la calandra

    ci s’ha manciatu lu core de la calandra

     me l’aggiu manciatu ieu

     me l’aggiu manciatu ieu

     me l’aggiu manciatu ieu lu core tou calandra mia

     

     

     

    TRADUZIONE

    La calandra

    Strofa n1 tradotta dal Salentino in Italiano:

    Chi si è mangiato il cuore della calandra

    Chi si è mangiato il cuore della calandra

    l'ho mangiato io 

    l'ho mangiato io 

    l'ho mangiato io il tuo cuore calandra mia

     

  • O fimmine ca alle ulie sta sciati (San Cassiano)

     

    TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

    O fimmine ca alle ulie sta sciati (San Cassiano)  Canto di lavoro relativo al periodo della raccolta delle olive.

     

     

    O fimmine ca alle ulie sta sciati 

     

    Canto in dialetto Salentino:

    O fimmine ca alle ulie sta sciati

    ve zati la mattina cu lu sole

    allegre e spensierate sempre stati

    ca a sira puru vui faciti amore.

    E quannu poi rrivati alla campagna,

    cantannu cuminciati a faticare

    e sempre lu pinzieru ve ccumpagna

    ca a casa puru vui iti turnare

    E quannu ve ntummati cu cujiti

    l’anche...

     

    TRADUZIONE

    O donne che state andando alle olive

     

    Canto tradotta dal Salentino in Italiano:

    O donne che state andando (a raccogliere) le olive

    vi alzate la mattina con il sole

    siete sempre allegre e spensierate

    che la sera anche voi fate all'amore.

    E quando poi arrivate in campagna

    iniziate a lavorare cantando

    e sempre vi accompagna il pensiero

    che pure voi dovete tornare a casa

    E quando vi chinate per raccogliere

    vi rimangono le gambe scoperte

    e non pensate nemmeno di coprirvi,

    i giovanotti fanno peccato

    E qaundo arriva la sera che ritornate a casa...

  • 'U rusciu de lu mare (San Cassiano)

     

    'U rusciu de lu mare (San Cassiano)  Altra versione del noto canto d'amore salentino raccolto nella zona di San Cassiano.

     

     

    ‘U rusciu de lu mare (San Cassiano)

     

    Strofa n1 in dialetto Salentino:

    Na sira ieu passai de li paduli,

    e ‘ntisi le cranocchiule cantare (2 Volte)

    A una a una ieu le sintia cantare,

    ca me pariane ‘u rusciu de lu mare (2 Volte)

    Lu rusciu de lu mare quannu è forte,

    la fija de lu rre se dà alla morte. (2 Volte)...

     

    TRADUZIONE

    Il rumore del mare (San Cassiano)

     

    Strofa n1 tradotta dal Salentino in Italiano:

    Una sera passai vicino alle paludi,

    e sentii le ranocchie cantare. (2 Volte)

    Le sentivo cantare ad una ad una,

    ...

Pagine

 

Sede

Via del Fosso, snc 

Lucugnano - Tricase - Lecce

ITALIA

Newsletters

Iscriviti per ricevere gli ultimi aggiornamenti, notizie e altro ancora...

Contatti

Puoi contattarci tramite:

Web: Contattaci Online

info@laterradelrimorso.it