Benvenuto sullo spazio blog " LA TERRA DEL...

Prima di distinguere una tipologia dei canti...

 

Da sempre il canto e...

 

Pizzica (II) (Aradeo)

TESTO TRADIZIONALE E TRADUZIONE

Pizzica

Tamburru,
lu tamburrieddhu meu vinne de Roma
cu rami e senza rami ca puru sona.

E' de cucuzza,
lu tamburrieddhu mia jè de cucuzza
mannaggia ci lu canta e ci lu tuzza.

Tamburru,
lu tamburrieddhu meu vinne de Roma
e ca me l'ha nduttu na napulitana.

Trase e se ndesse,
mannaggia quandu mai
trase se ndesse
lu viziu mia lu sai stringi le cosce.

Ulia,
ulia cu te la menu alla scuperta
susu lu limbitare de la porta.

Fammene,
fammene beddha mia fammene tante
una te fazzu mia vale pe tutte.

De Galatina,
santu Paulu mia de Galatina
ci me l'hai fare la grazia
fammela mprima.

Ci me l'hai fare,
ci me l'hai fare beddhu
fammela mprima
nu fare cu lucisca crammatina.

Pizzica

Tamburo,
il tamburello mio venne da Roma
con rami o senza suona.

Tamburo,
il tamburello mio è di zucca
mannaggia chi lo canta e chi lo suona.

Tamburo,
il tamburello mio venne da Roma
me l'ha portato una napoletana.

Entra ed esce,
mannaggia a quando
entra ed esce
il mio vizio lo sai stringi le cosce.

Vorrei,
vorrei possederti alla scoperta
sulla soglia della porta.

Fammene,
fammene bella mia fammene tante
una ti faccio io vale per tutte.

Di Galatina,
san Paolo mio di Galatina
se devi farmi la grazia
fammela presto.

Se devi farmela,
se devi farmela,
bello fammela presto
non fare nascere un altro giorno.

 

Sede

Via del Fosso, snc 

Lucugnano - Tricase - Lecce

ITALIA

Newsletters

Iscriviti per ricevere gli ultimi aggiornamenti, notizie e altro ancora...

Contatti

Puoi contattarci tramite:

Web: Contattaci Online

info@laterradelrimorso.it