Tipologia di Canti

Prima di distinguere una tipologia dei canti salentini, è bene dire che tale suddivisione è assolutamente una questione di comodità, visto che l'intera tradizione orale cantata e anche parlata va intesa come un corpus unico che abbisogna necessariamente di tutte le sue componenti per rimanere tale. Se si parte da una valutazione del tema trattato nei canti popolari riportati in questo sito, possiamo trovare...

Perche' si cantava?

Da sempre il canto e la vita dell'uomo sono strettamente collegati, soprattutto nel territorio salentino. I canti infatti accompagnavano e scandivano quasi tutti i momenti cruciali della esistenza.

La zitella (San Cassiano)

 

La zitella Noto canto popolare di recente diffusione.

"La zitella

   L'acqua de la funtana è mara mara

   ca cì no nede mara ca cì no nede mara

   L'acqua de la funtana è mara mara

   ca cì no nede mara amore mio te l’ha bivire.

 

   La zitella

   L'acqua della fontana è amara

   che se non fosse amara che se non fosse amara

   L'acqua della fontana è amara

   he se non fosse amara amore mio dovresti berla."

Stornelli (San Cassiano)

 

Stornelli Altra versione di questa tipologia di canto raccolta nella zona di San Cassiano.

"Stornelli

   Tu ci boi lu core miu

   te l’aggiu dare te l’aggiu dà

   Tu ci boi lu core miu

   te l’aggiu dare quannu sarà

 

   Stornelli

   Se vuoi il mio cuore

   te lo devo dare te lo devo dare

   Se vuoi il mio cuore

   te lo devo dare quando sarà"

E lu sule calau calau (San Cassiano)

 

E lu sule calau calau (San Cassiano) Canto di lavoro che si cantava al termine della giornata quando l'unico desiderio era quello di essere pagati e di ritornare a casa.

"E lu sule calau calau (San Cassiano)

   E lu sule calau calau,

   mena patrunu ca me ne vau

   E se non boi me ne porti

   me settu an terra e fuzzu carotti (bis)

 

   E lu sule calau calau (San Cassiano)

   E il sole tramontò,

   sbrigati padrone che me ne vado

   E se non vuoi portarmi via

   mi siedo a terra e scavo delle buche (bis)"

Pagine