Tipologia di Canti

Prima di distinguere una tipologia dei canti salentini, è bene dire che tale suddivisione è assolutamente una questione di comodità, visto che l'intera tradizione orale cantata e anche parlata va intesa come un corpus unico che abbisogna necessariamente di tutte le sue componenti per rimanere tale. Se si parte da una valutazione del tema trattato nei canti popolari riportati in questo sito, possiamo trovare...

Perche' si cantava?

Da sempre il canto e la vita dell'uomo sono strettamente collegati, soprattutto nel territorio salentino. I canti infatti accompagnavano e scandivano quasi tutti i momenti cruciali della esistenza.

La calandra (Corigliano d'Otranto)

"La calandra (Corigliano d'Otranto)

  Ci se mangiau lu piede a la calandra

  lu piede a la calandra

  l'aggiu mangiatu n'iu

  lu piede tou calandra mia

 

  La calandra (Corigliano d'Otranto)

  Chi si è mangiato il piede alla calandra

  il piede alla calandra

  l'ho mangiato io

  il piede tuo calandra mia"

Trullalleru (Corigliano)

Nuovo canto raccolto in Corigliano d'Otranto:

"Trullalleru (Corigliano)

   E alla sira de san Larenzu

   ca don Pippi perse lu sensu

   trullallà trullallà

   trullalleru la rirolà

   trullallà trullallà

   trullalleru la rirolà

   e lu perse tuttu de paru

   pe la fija de lu craparu

 

  Trullalleru (Corigliano)

   E la sera di san Lorenzo

   don Pippi perse i sensi

   trullallà trullallà

   trullalleru la rirolà

   trullallà trullallà

   trullalleru la rirolà

   e lo perse in una sola volta

   per la figlia del capraio"

Pagine